Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Palmanova a teatro per riflettere sulle dipendenze

Tre ballate tra web, ninfomania ed eroina
Palmanova

Teatro Modena
08/06/22
20.45

S'intitola "Il mio irresistibile diritto all'oblio - ovvero come ci siamo assentati" lo spettacolo che La Compagnia dei Riservati proporrà mercoledì 8 giugno, alle 20.45, al Teatro Modena di Palmanova nell'ambito del festival itinerante "Accademia dell'Incontro", coordinato dall'Accademia Musicale Città di Palmanova. Scritta da Giulia Lombezzi, la pièce è diretta dalla regista Sonia Cossettini, sul palco insieme a Elena Genio e Giacomo Andrea Faroldi.

Strutturato in tre ballate, monologhi autonomi accomunati dal filo conduttore della dipendenza, lo spettacolo scandaglia appunto il concetto di “diritto all’oblio”, leitmotiv fra le storie raccontate: nella prima - paradigmatica di una delle dipendenze patologiche più attuali, quella da internet - viene inteso come diritto a perdersi nella rete, a distrarsi per sempre dall’oppressione della quotidianità; il secondo "quadro" si addentra nella sfera della ninfomania, evidenziando la crudeltà di una rete pronta a mettere alla gogna e soffocare chiunque, per sbaglio o leggerezza, vi rimanga intrappolato.

La terza ballata racconta infine la scelta di dimenticare se stessi e le proprie fragilità lasciandosi andare alla dipendenza da eroina, droga che negli ultimi anni è tornata in auge fra i giovanissimi, non più iniettata in vena ma fumata.

Tre parabole esistenziali distinte, dunque, che non si toccheranno mai direttamente ma incroceranno più volte le proprie strade, nella malinconica e inevitabile ricerca di un altrove in cui trovare pace dal dolore di vivere.

Nessun giudizio, dal palcoscenico: al pubblico l'eredità di una riflessione su "vincoli" innati o indotti che possono stravolgere l'esistenza, e che gli attori raccontano anche con sprazzi comici, per alleggerire la drammaticità dell'argomento.