Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Ecce ancilla domini

coroofficiumconsort.jpg
Pordenone
Chiesa dei SS. Ilario e Taziano
22/12/14
20.45
347 0349679

L’Officium Consort sarà protagonista del concerto di Natale organizzato dalla parrocchia dei Santi Ilario e Taziano di Torre di Pordenone, che si terrà lunedì 22 dicembre alle 20.45. Il concerto “Ecce Ancilla Domini: il mistero della Natività nel ruolo di Maria, donna di fede e madre della Chiesa” conclude un percorso ricco di iniziative che ha voluto ricordare la figura e l’opera di don Giuseppe Lozer, a quarant’anni dalla sua scomparsa.

Il canto dedicato alla Natività ha sempre rappresentato nelle migliori tradizioni musicali della Chiesa uno dei fulcri rituali dell’anno liturgico, dove si celebrano i misteri che stanno a fondamento della religione cristiana. Nella frase “Ecce Ancilla Domini”, pronunciata dalla Madonna all’arcangelo Gabriele, sono racchiusi diversi temi: Maria, ovvero la donna che ha accettato il messaggio dell'arcangelo divenendo madre di Cristo, la Natività di Gesù, il magnum mysterium, evento cardine della cristianità, secondo per importanza solo al Triduo pasquale,  l’importanza della fede che ha spinto Maria a divenire madre del Redentore, mettendo la propria vita al servizio di un progetto divino, diventando quindi l’esempio cristiano per eccellenza di totale affidamento a Dio.

Il programma musicale presentato dall’Officium Consort darà espressione a questi tre temi portanti articolandosi in due parti: la prima, dedicata al canto monodico e alle prime forme di amplificazione polifonica, interpretata dalle sole voci virili sarà diretta da Patrizia Avon; la seconda diretta da Alessandro Drigo proporrà composizioni di Francis Poulenc, Benjamin Britten, Bruno Bettinelli, Arvo Pärt e Ola Gjeilo (alcuni tra i massimi esponenti della musica corale del novecento e contemporanea), dalle sonorità in parte diverse, in parte con un chiaro riferimento alla musica di qualche secolo prima. Un percorso, quello tracciato, che nell'unicum rappresentato da Maria, la Natività e la Fede attraversa periodi musicali distanti tra loro solo cronologicamente. L’iniziativa è patrocinata dalla Provincia e dal Comune di Pordenone e gode del sostegno della Fondazione CRUP.