Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Discovery

Da Vicino

Percorsi ed esperienze nel territorio – luoghi, storia, lavoro.
(ph. Ufficio Stampa Volpe Sain)
Fiume Veneto

26/04/15

Proseguono gli appuntamenti alla scoperta del territorio pordenonese. Si potrà toccare con mano il territorio, tra arte, paesaggio, natura ed eccellenze gastronomiche nel percorso dedicato a Fiume Veneto, il comune tra due fiumi. Il progetto “Percorsi ed esperienze nel territorio – luoghi, storia, lavoro ”a cura del Centro Culturale Casa A. Zanussi di Pordenone con il coordinamento di Maria Francesca Vassallo mette al centro il territorio del pordenonese con tutte le sue peculiarità e specialità.

Partenza ore 9.30 dal Centro Culturale Casa Zanussi - Pordenone, accompagnati da Leda Santarossa, sarà possibile scoprire la storia di Fiume Veneto, attraverso un itinerario speciale che intreccia tracce preistoriche e antiche, centuriazioni, pievi e risorgive, vecchie case coloniche ed ex cotonifici, fino alle zone industriali d'avanguardia e le nuove zone commerciali. Una passeggiata tra i borghi di Pescincanna dove si potrà visitare la Pieve di San Michele Arcangelo di “seconda generazione”, costruita solo nella seconda metà del 1200 come filiazione della pieve di Torre di Pordenone quando le scorrerie degli Ungari sollecitavano di far nascere luoghi di difesa. A Marzinis, antico borgo rurale di fine ‘800 perfettamente conservato, la visita sarà dedicata alla scoperta dell’Oratorio di San Girolamo e il bosco planiziale e la possibilità di degustare le specialità del posto al “La Botega del Moro” di Fiume Veneto. Si proseguirà poi con una passeggiata lungo “L’Ansa del Mortol” per arrivare alla chiesa di Santa Maria a Tavella, prima chiesa della comunità cristiana di Fiume fino alla fine del 1400, risalente al secolo XI, apparteneva ai Benedettini dell’Abbazia di Sesto al Reghena. Il percorso si concluderà con la visita della Chiesa di San Giacomo a Praturlone diventata oggi luogo per celebrazioni di piccolo gruppo ed è per il territorio uno spazio artistico.