Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Chi cura chi?

"Far crescere le piante ci aiuta a vivere meglio. La riabilitazione attraverso la natura".
Trieste
Museo Civico di Storia Naturale, via dei Tominz 4
06/05/15
18.30

Qualcuno ha davvero dubbi sul fatto che i giardini abbiano un effetto positivo sull’animo umano? Considerando che abbiamo testimonianza di giardini fin dall’Antico Egitto, dai giardini pensili di Babilonia a quelli della Fifth Avenue passando per Versailles, il fatto che, in ogni epoca e a ogni latitudine, la classe dominante si sia sempre circondata di giardini dovrebbe fugare ogni dubbio.      

La prospettiva di Alessandra Chermaz si spinge assai più in là, ad asserire e dimostrare, forte di una pluriennale esperienza sul campo, che la cura delle piante è anche una cura 'con' le piante. Si tratti di orto, giardino o semplice vaso, il badare alla salute di una amica verde è un modo per affrontare le terapie riabilitative più disparate, da quelle fisiche transitorie a quelle dei portatori di uno o più tipologie di disabilità croniche.

Terapista orticolturale certificata dal New York Botanical Garden, progettista, docente e operatrice sul campo con soggetti plurihandicap, Chermaz mette a disposizione la sua preparazione, esperienza professionale e di vita, e la propria sensibilità, in cento pagine densissime di contenuti, considerazioni, aneddoti, citazioni e rimandi, tutti all’insegna della meraviglia che il mondo vegetale offre a chi soltanto si ponga con animo e occhi aperti all’osservazione e alla cura delle piante.

Chi cura chi?  è un’opera agile, sincera e soprattutto fresca, quanto l’acqua che secondo l’autrice si accompagna naturalmente a ogni installazione progettata di orti e giardini; una lettura che non può mancare di modificare per sempre il modo di vedere le piante nel lettore attento, che tragga i dovuti benefici non solo dai vegetali, ma dalla sincera passione dell’autrice, che traspare da ogni riga.