Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

On demand

Incontro con il critico televisivo Gian Paolo Polesini.
(ph. Ufficio stampa Volpe Sain)
Lignano Sabbiadoro
PalaPineta
25/06/15
18.30

Viaggio nella tv italiana con un Virgilio d’eccezione: la firma più nota e amata dai lettori a nord-est, il critico televisivo Gian Paolo Polesini, narratore di lunghe stagioni fra le bolge infernali e i (rari) cieli paradisiaci nella Commedia del piccolo schermo italiano. “On demand. La tv da leggere (quando vi pare)” è il filo conduttore del terzo appuntamento degli “Incontri con l’autore e con il vino” 2015 a Lignano ed è appunto il titolo dell’ultimo libro firmato da Gian Paolo Polesini (Volpato edizioni): addentrarsi nella sua lettura è un po’ come sfogliare i petali di una margherita catodica, passando in rassegna amori e disamori della tv italiana del terzo millennio. Eccoli qui, quattordici anni di pacchi insieme a Flavio Insinna o di pedalate televisive accanto a don Matteo, conditi dalle canzoni e canzonette dell’Ariston di Sanremo, immarcescibile festa laica del calendario televisivo degli italiani. “On demand” è dunque una summa dei migliori articoli di Polesini, raccolti per essere letti “quando ti pare”. Una guida tv perenne, l’accessorio d’obbligo del telecomando per slalomare fra programmi e pubblicità, fra reality e talk show, in un bestiario gattopardesco che si perpetua da decenni. «Il piccolo schermo è un luogo - non luogo dove però trascorriamo buona parte del nostro tempo, ogni giorno  - spiega l’autore -  Lo usiamo per trovare distrazione, ma davanti al piccolo schermo dovremmo indossare gli occhiali più adatti a leggere la tv e coglierne i retroscena. La televisione, una volta che la conosci, non ti fa più del male. Anche se non la eviti». Così, ritrovare in salsa “critica” le produzioni e i personaggi tv più collaudati, e al tempo stesso più improbabili delle ultime stagioni, sarà un modo per rileggere, in filigrana, l’evoluzione – involuzione di una società Zelig – la nostra, purtroppo - che fluttua e spesso si modifica e si specchia davanti al piccolo schermo.