Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Formicaio

Giovanni Cigui (ph. Ufficio Stampa Associazione Nuovo Corso)
Monfalcone
Il Carso in Corso, corso del Popolo 11
23/12/15
21

Giovanni Cigui (sax alto), Francesco De Luisa (pianoforte), Marzio Tomada (contrabbasso), Marco D'Orlando (batteria): questi i nomi del FORMICAIO, un collettivo (variabile nell'organico) che riunisce tanti giovani musicisti accomunati dalla voglia di suonare e dalla passione per l’improvvisazione, uniti dalla volontà di istituire un laboratorio musicale in cui poter creare qualcosa di nuovo dando voce alle proprie idee uscendo da un’ottica individualista e personalista. Da qui il nome, che evoca il brulicare di idee, di energie tipico delle formiche: l’animale sociale per eccellenza che solo grazie all’aiuto dei propri simili può costruire qualcosa di grande.

Classe 1990, Giovanni Cigui si è formato a Trieste, si è perfezionato al Berklee College of Music in seno a Umbria Jazz e si è laureato al Kunstuniversität di Graz nel 2012. Dell'estate dello stesso anno è la tournée in tutta Europa con la JM Jazz World Orchestra diretta da Sigi Feigl. Si è specializzato con Don Menza, Dick Oatts, Jim Snidero, Bob Mintzer, Billy Drewes, Michael Abene, John Hollenbeck e attualmente ha al suo attivo centinaia di concerti in Italia ed Europa.

Francesco De Luisa, diplomato in pianoforte e laureato in jazz con la lode al Conservatorio di Trieste, si è formato con John Taylor, Kenny Werner, Danilo Perez, John Patitucci, Joe LaBarbera, Franco D’Andrea, Stefano Bollani, Omar Sosa, Gwilym Simcock, Jim Snidero, Drew Gress, Stefano Battaglia,…
Nel 2011 è stato finalista al premio nazionale Lelio Luttazzi per pianisti jazz; suona abitualmente in Italia e all'estero (Slovenia, Croazia e Grecia) con formazioni diverse e in situazioni multidisciplinari (letture, spettacoli teatrali, film,...).

Marzio Tomada si è formato a Udine con Glauco Venier, Franco Feruglio e Andrea Bombardini: è eclettico e suona nelle band più diverse (pop, blues, funk, oltre al jazz). Tra le collaborazioni in regione: Lino Straulino, Angelica Lubian, U.T.Gandhi, Francesco Bertolini, Nevio Zaninotto, Matteo Cimenti, e a livello internazionale, tra gli altri, ha suonato con Alex Masi e T.M. Stevens.

Completa la formazione il giovanissimo Marco D'Orlando, batterista anch'egli proveniente dal Conservatorio di Udine dove studia nella classe di jazz con Luca Colussi, Glauco Venier e Michele Corcella. Coltiva anche la musica africana con Roberto Lugli e suona in diverse formazioni che spaziano dal jazz, al rock, alla musica improvvisata.