Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

GadjoRom Quartet

Ionel Fedescu alla fisarmonica, Paolo Bernetti alla Tromba, Riccardo Morpurgo al pianoforte e Alessandro Turchet al contrabbasso
Paolo Bernetti (ph. Facebook)
Trieste
Casa della Musica, via Capitelli 3
23/01/16
21

L'ensemble presenta la propria originale materia musicale estratta dalla tradizione rumena di origine Rom: melodie e ritmi tipici dell' Europa dell'est vengono arrangiati e interpretati in un contesto jazzistico e improvvisativo. L'intento è di sottolineare i punti di forza di linguaggi apparentemente diversi ricercando un'unità musicale che vada al di là delle differenze culturali.

GadjoRom è l'unione di due termini che in gergo romanì significano “non Rom” (gadjo) e Rom ovvero appartenente alla cultura romanì.

Questo è il nome scelto da un collettivo di musicisti che si sono incontrati a Trieste e più precisamente nell' ambiente della musica di strada. Il gruppo si è formato principalmente intorno alle figure di tre musicisti di origine Rom: il fisarmonicista Ionel Fedescu, il violinista Juraj Berky e il chitarrista Tibor Plesko. Per diversi anni il gruppo è cresciuto nelle piazze della cosiddetta città vecchia a Trieste. Negli anni la formazione è diventata piuttosto eterogenea sia per i componenti sia per la scelta e il continuo rimescolamento del repertorio.

Nel 2013 è stato registrato un primo documento della collaborazione di questi musicisti con altri musicisti locali: il disco "Murka Swing" dello Shukar Quartet. Nel 2015 è stato registrato un'altro disco sotto il nome di "Lace Prala live at Lipuri Sounds Studio", recentemente presentato a "Riverberi" della Rai FVG, con Piero Pieri. 

Ionel Fedescu, fisarmonicista, è nato in Romania e da sette anni risiede a Trieste. Suona da quando aveva 5 anni (con il nonno musicista) e da molti anni suona con le migliori orchestre e i migliori solisti di Romania, Francia e Germania. Alessandro Turchet è un contabbassista di Pordenone molto attivo soprattutto sulla scena jazzistica italiana. Inizia lo studio del basso elettrico, per passare al contrabbasso con i migliori insegnanti in regione: si specializza con Marc Abrams e incide in studio e live con Glauco Venier, Massimo De Mattia, U.T. Gandhi e altri ancora. Riccardo Morpurgo Inizia lo studio del pianoforte classico nel 1980, conclude gli studi e si specializza a Siena Jazz. Tra gli altri lavora con Pietro Tonolo, Giovanni Maier, U.T.Gandhi, Mark Abrams, Daniele D’Agaro, Francesco Bearzatti. Tra i cd cui ha preso parte: “Answering” (Caligola), "As it is” (Palomar): recente il suo "Lemniscata", a nome del suo quartetto. Paolo Bernetti si forma a Triestel, dove si laurea nel 2006, e studia anche alla Folkwang Hochschule di Essen (Germania) con il Maestro U. Beckerhoff: ha l'occasione di specializzarsi anche con Kenny Wheeler, Cecil Bridgewater, Uri Cane, Fred Hersh, Keith Tippett. Suo il Pibeta Quartet che incide nel 2014 l'album "Cose" (Palomar).