Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Winterreise

Eddi De Nadai (Foto Maniero)
Pordenone
Casa Zanussi, via Concordia 7
05/02/16
15.30

Avvicinarsi all'universo della musica vocale da camera, antagonista dell'Opera per antonomasia, significa addentrarsi prima di tutto nel mondo del Lied tedesco, quella musica assoluta che è stata emblema incandescente del RomanticismoE’ quanto propone, da venerdì 5 a venerdì 19 febbraio, l’UTE -  Università della Terza Età di Pordenone con il ciclo “Winterreise. Breve viaggio (d’inverno) nel mondo del Lied romantico”, ideato e condotto dall’artista e musicologo Eddi De Nadai, pianista e direttore d’Orchestra, collaboratore di cantanti di fama internazionale, per dieci anni pianista ufficiale al Concorso di Musica Vocale da Camera di Gorizia. «Il Lied tedesco – spiega l’artista - offre una iridescente gamma di gioielli poetici e musicali di fascino. La comprensione del testo, la ricchezza e complessità del suo significato immaginifico e metafisico, rendono talvolta impegnativo l'ascolto. Ma una buona traduzione, letterale, non poetica, e una lettura del testo prima dell'ascolto, rende sorprendente lo spazio emozionale che si apre nel momento in cui la voce simbioticamente si fonde con le armonie del pianoforte». Eddi De Nadai ha studiato Liederistica con Erik Werba, uno dei più grandi pianisti di Lieder del '900, storico docente all'Accademia di Vienna. Il percorso proposto, con inizio alle 15.30 nell’Auditorium Lino Zanussi, sarà finalizzato a scoprire come non solo la melodia ma soprattutto la costruzione armonica forniscano al verso letterario quel potere di evocare emozioni che il solo inchiostro sulla carta lascia a volte incomplete. I primi due incontri – dedicati a “Schubert, Schumann, Brahms: l'evoluzione del rapporto voce-pianoforte” e a “Strauss e Mahler: il Lied orchestrale”  saranno corredati di esempi al pianoforte e ascolti discografici, mentre l'ultimo – “I Lieder di Mignon di Goethe: Schubert, Schumann, Wolf”, lezione – concerto - vedrà anche la presenza di una cantante per l'esecuzione dal vivo di alcune tra le pagine più significative della letteratura liederistica e l'analisi del rapporto intensissimo che si concretizza tra cantante e pianista. Ingresso aperto alla città.