Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Juri Dal Dan Trio

(ph. Luca d'Agostino / Phocus Agency)
Trieste
Casa della Musica, via Capitelli 3
29/01/16
20.30

Il Trio di Juri dal Dan con Francesco Bearzatti presenta il nuovo lavoro del pianista, "Josef", dedicato a Giuseppe Orselli e recentemente edito da Artesuono, la stimatissima etichetta friulana di Stefano Amerio. Presentato alla serata finale di Udin&Jazz 2015, il nuovo disco ha già ottenuto notevoli consensi.

Il trio di Juri Dal Dan è formato da Juri Dal Dan al pianoforte, Romano Todesco al contrabbasso e Alessandro Mansutti alla batteria ed è attivo dal 2002 e vanta diverse incisioni discografiche e molte partecipazioni a gigs e festival in tutta Europa. Il recente "Josef" - un lavoro di grande impatto emotivo - è dedicato al trombonista friulano, prematuramente scomparso nel 2014, Giuseppe Orselli. 

Il trio di Dal Dan porta avanti un sound di forte sensibilità, energia, ed originalità che si è evoluto nel tempo grazie anche al contributo di Francesco Bearzatti -"Top Jazz 2015"- il quale con il tempo è diventato parte integrante della formazione.  

Cinque sono i dischi pubblicati dal pianista titolare del progetto: Juri Dal Dan Trio, Africa Personale, Trilogia di un Viaggiatore, Solitudini e Josef: gli ultimi tre sono con l'etichetta Artesuono, riconosciuta come tra le più rinomate in Europa in ambito jazz. Uno degli ultimi lavori, Solitudini, si è classificato nel 2012 come uno dei migliori dischi italiani. Lo Juri Dal Dan Trio + Francesco Bearzatti apre la collana di cd dedicata al Jazz in Friuli Venezia Giulia (JAZZFVG) che vuole restituire una panoramica dell'attività musicale di questo genere in regione. Tra le molte attività si ricordano anche gli interventi del trio nelle musiche per i film muti. Juri Dal Dan vince un premio europeo insieme a Federico Missio nel 2009 e sempre nello stesso anno, viene definito dalla rivista Jazz Magazine "una delle promesse del Jazz Italiano".