Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Arrigo Cappelletti

(ph. Alessio Laganà)
Pordenone
Auditorium Zanussi
06/03/16
11

Alle 11, nell’Auditorium Lino Zanussi, il sipario si alzerà sulla formazione nata nell’ambito dei corsi accademici di jazz del Conservatorio di Venezia coordinati dal maestro Arrigo Cappelletti. L’ensemble è concepito come un laboratorio aperto agli studenti e rivisita alcuni standards jazz in chiave moderna. A Pordenone si esibiranno Massimo Parpagiola sax tenore e soprano, Jacopo Giacomoni sax alto, Alvise Seggi contrabbasso, Raul Catalano batteria, Paola Furlano voce e il Maestro Arrigo Cappelletti al pianoforte, su musiche originali di Andrew Hill e dello stesso Cappelletti. Cresce dunque l’attesa per assistere al recital che vedrà protagonista, insieme al suo Ensemble, uno degli artisti di riferimento della scena jazz italiana e internazionale: impegnato in veste di esecutore e compositore con il suo Ensemble, Arrigo Cappelletti testimonia come la classe di un Conservatorio possa mantenere quella impronta di “bottega d’arte” all’interno della quale il “sapere” e il “saper fare” si tramanda per testimonianza diretta, da maestro ad allievo. In Italia Arrigo Cappelletti  ha suonato, tra gli altri, con Gianni CazzolaSergio FanniPaolo Dalla PortaRoberto OttavianoGianni CosciaGiulio Visibelli Sandro Cerino. Con musicisti stranieri annovera collaborazioni con Barre PhillipsLew Soloff, Mike MossmannDaniel SchnyderBill ElgartOlivier ManourySteve SwallowRalph AlessiJohn HebertJeff Hirshfield. Ha collaborato inoltre con la cantante Mia Martini e con l’orchestra nazionale di jazz di Giorgio Gaslini. Ispirato musicalmente da John Lewis, Lennie Tristano, Bill Evans, Paul Bley, ha trovato per anni nel trio con pianoforte il luogo ideale per esprimere il suo jazz libero, intenso e raffinato. Sul finire degli anni ottanta la scoperta del tango-jazz lo ha reso uno dei precursori in Italia delle attuali tendenze alla contaminazione fra il jazz e gli altri generi.