Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Epicamente

A Pordenone la musica classica incontra l'epica
Pordenone
via Molinari 43
Farandola
05/11/17
17.30

Può la musica classica incontrare l’epica? La cooperativa musicale Farandola, aderente a Confcooperative Pordenone, è riuscita a unire due capisaldi della cultura occidentale in “Epicamente”, serie di letture polifoniche con musica. Dopo il fortunato esordio a settembre dedicato all’Iliade, domenica 5 novembre toccherà all’Odissea, poema che celebra il ritorno per eccellenza, quello di Ulisse a Itaca.

Leggeranno brani scelti dell’opera di Omero Antonella Cesare, Antonella Del Santo e Francesca Meret. “Siamo tre amiche - raccontano - che in comune condividono l’interesse per la lettura “offerta”,  una lettura che non è solo piacere personale e ricerca interiore, ma è anche relazione con l’altro, dono, scoperta, divertimento, amicizia. Elaboriamo i testi classici o moderni, li impastiamo con brani musicali sapientemente scelti e interpretati e li condiamo con la nostra passione”. Anna Baratella al pianoforte e Giuditta Calabretto al violoncello replicheranno in musica alle letture con composizioni di Vivaldi, Bach, Saint-Saëns e Popper. Al termine si svolgerà un brindisi con il pubblico presente. In programma prossimamente anche un terzo appuntamento dedicato all’Orlando furioso di Ludovico Ariosto. 

“Il fil rouge di questo progetto - racconta Francesco Carone presidente di Farandola - nasce da una curiosità sulla vulnerabilità dell’eroe, sulla sua umana debolezza. Le opere originali ci sono servite come sfondo per “ricamare” degli inserti di parole e musica che insieme danno vita ad una tessitura a più livelli, in modo che l’insieme restituisca una prospettiva originale e curiosa sugli eventi e sui personaggi raccontati nei grandi poemi ai quali ci siamo avvicinate”.

“Complimenti alla cooperativa - ha dichiarato il direttore di Confcooperative Pordenone Marco Bagnariol - per questo progetto innovativo che dà vita a una proposta di grande interesse. Come Confcooperative Pordenone siamo a fianco delle cooperative che operano in campo culturale portando in esso i valori della cooperazione”.