Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

La frontiera sommersa

Rassegna di scrittura e documentari
Gorizia
via Carducci 2
Fondazione Carigo
23/03/17
17.30

La rassegna "La frontiera sommersa. Tesori sui fondali dell'alto Adriatico" è una mini serie di appuntamenti di scrittura e documentari co-organizzata dalla Biblioteca statale isontina e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, con la collaborazione della Rai Friuli Venezia Giulia. Il programma si compone di tre incontri: il 23 e 30 marzo e il 6 aprile 2017, che saranno ospitati, con inizio alle 17.30, nella sede della Fondazione Carigo di via Carducci 2.

Nel primo incontro, giovedi 23 marzo, sarà presentato il libro di Pietro Spirito "L'antenato sotto il mare: un viaggio lungo la frontiera sommersa" edito da Guanda. L'autore converserà con il direttore della Bsi Marco Menato, il regista Luigi Zannini, introdotti dalla responsabile media Bsi Margherita Reguitti.

A seguire il 30 marzo e il 6 aprile saranno proiettati "La Frontiera sommersa" e "I segreti del golfo", documentari di Pietro Spirito e Luigi Zannini, con la regia di quest’ultimo, prodotti dalla Sede RAI FVG.

Una narrazione per immagini subacquee, foto e filmati d’epoca, interviste a esperti e ricercatori indagando secoli di storia, dagli insediamenti romani  alle vicende belliche del secondo conflitto mondiale. Agli incontri saranno presenti i due autori.

 

"La Frontiera sommersa"

Questo primo documentario spazia nel racconto dagli insediamenti romani sommersi lungo la costa al relitto del vascello Mercure affondato durante la battaglia navale che nel 1812 costò a Napoleone l’egemonia dell’Adriatico. Le immagini documentano anche i resti spettrali della corazzata Wien colata a picco nella baia di Muggia nel 1917, fino al bombardiere americano B24  abbattuto nel 1944 al largo di Grado, mostrando le immagini dei sottomarini tascabili nazisti della baia di Sistiana. Un ripercorrere le tappe salienti della storia dei confini nord-orientali con una prospettiva affascinante e  inusuale.

Durata del lavoro circa 30 minuti.

 

"I segreti del golfo"

Il documentario, realizzato in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, OGS di Trieste, privilegia sguardi e approcci dal mondo sommerso. Vengono evocate vicende storiche, svelando segreti e illustrando la natura spesso sorprendente di questo mare, con interviste a esperti e studiosi, immagini di repertorio e d’archivio, suggestive riprese subacquee. Un lavoro realizzato nel tratto di mare compreso fra Grado e le coste Slovene.

Le telecamere mostreranno, fra gli altri, i resti dell’idrovolante Cant Z, inabissatosi negli anni Trenta e di una motozattera tedesca, ma anche cosa rimane della torpediniera 17OS, affondata nel 1915, e del transatlantico Rex adagiato dall'8 settembre 1944  sui fondali tra Isola d’Istria.

Verrano fatti vedere gli ambienti sommersi delle Trezze, vero e proprio reef sottomarino, e approfondito come sia storicamente documentata la presenza di squali bianchi nel Golfo di Trieste fino ai primi del Novecento.

Questo secondo documentario si sviluppa in due sezioni della durara complessiva di circa un'ora.

 

L'ingresso agli incontri è libero fino al raggiungimento dei posti disponibili.