Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Donna

Esposte le opere del pittore monfalconese
35490
Monfalcone
via Duca d'Aosta 83
Caffè Carducci
19/08/20
7.30-22

Ritorna da mercoledi' 19 agosto  alla Piccola Permanente dell 'Angolo di Maritani dello Storico Caffè Carducci di Monfalcone via duca d'Aosta  83 con una esposizione di sue opere, tra cui diverse mai esposte prima d'ora , il monfalconese Paolo Pizzin. Si intitola " Donna"  e potrà essere visitata continuamente fino a giovedì 3 settembre tutti i giorni dalle ore 7.30 alle ore 22.00, escluso il lunedi,  con accesso contigentato secondo le norme vigenti atte alla prevenzione covid 19. 

Diversi i formati, diverse le tecniche pittoriche usate, diversi anche i supporti su cui Paolo Pizzin ha espresso la sua prorompente vitalità:, diversi sono gli anni in cui queste opere sono state realizzate, per cui capita di ritrovare qualche produzione degli anni scorsi accanto alle assolute novità, frutto di un lavoro costante e sempre molto intenso.

Solo donne, quindi, e solo corpi  seducenti, talvolta assorti  e misteriosi e onirici. Una studio misurato con un equilibrio sia di luce che di colore, di vitalità e di intimità, caratterizzano questi soggetti femminili, dove il gioco del chiaroscuro si fa evocativo e le ombre creano quella illusione della forma. 

La grande esperienza di tipografo e stampatore emerge dalla minuziosa precisione dei particolari, un continuo studio sul colore emerge nell'equilibrio del suo tratto di pennello   che, conferiscono alle forme proposte sia densità che plasticità.  La grande conoscenza della storia dell'arte si vede negli accostamenti da Degas a Lautrec, Renoir e Egon Schiele. Ma non sono soli gli echi impressionisti e secessionisti che colpiscono: con le ultime opere ritroviamo un ritratto di umanità. Donna che non e' oggetto di puro desiderio o decorazione,  ma Donna fiera di essere Donna.

Paolo Posarelli