Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Monfalcone nel cuore

Nell'ambito dell'esposizione "Le Città Murate nel segno di Dante"
Monfalcone

30/10/21
11.30

Conversazioni sulla storia cittadina: tre appuntamenti il sabato mattina alle ore 11 da sabato 16 ottobre sino al 30 ottobre alla galleria di piazza Cavour nell’ambito dell’esposizione Le Città Murate nel segno di Dante.

Il curatore Lucio Gregoretti ricostruirà gli aspetti salienti che hanno caratterizzato le vicende del territorio, dal periodo medioevale, ai 400 anni della Repubblica veneziana sino al passaggio imperiale che sono stati sviluppati anche nelle pubblicazioni frutto delle mostre degli ultimi anni. Alle 11.30 seguirà una visita all’esposizione con Chiara Mistelli, una delle curatrici della rassegna.

Il primo incontro verterà sul tema “Le origini, le mura e la cittadella: i valori della Città Medioevale”. Monfalcone sin dalla fine del 1200 era circondata da mura innalzate dai Patriarchi di Aquileia, sede di un mercato e di una dogana e competeva con i centri più importanti della regione. Sarà fatto riferimento al passaggio di Teodorico a Monfalcone e ai successivi allargamenti della cittadella divenuta presidio patriarcale fondamentale.
Sabato 23 ottobre sarà la volta di “Dogi, podestà e capitani. Quattro secoli di fedeltà alla Serenissima” per raccontare il periodo fra il 1420 e il 1797 durante l’appartenenza alla Repubblica Veneziana e di cui rimangono le radici culturali e linguistiche e lasciti architettonici a cominciare dalla Rocca realizzata nella sua forma attuale nel 1525.

Infine terzo incontro il 30 ottobre su “L’impero, l’industrializzazione e la Guerra” in centrato sul 1800, il secolo dell’industrializzazione che crea le premesse per la Monfalcone moderna e attuale. I cambiamenti urbani e sociali che ne derivarono fanno di Monfalcone una delle realtà fra le più complesse della regione.

Paolo Posarelli