Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Transiti

A Turriaco la mostra fotografica di Gianluca Deiuri
30462
Turriaco
piazza libertà 34
Atrio del Comune
18/07/19
da lunedì a venerdì 9.30-12.30/15.30-18.30, sabato 9.30-12.30
0481 472722

Nell'atrio del municipio e per tutto il mese di luglio, è allestita la nuova mostra fotografica "TRANSITI - mappatura del confine orientale" di Gianluca Deiuri

È stato l'autore stesso, in occasione dell'inaugurazione, a illustrare il senso di questa esposizione che, a partire da immagini significative e simboliche, ripercorre parte della storia di questo territorio, segnato per lungo tempo da confini spaziali che hanno contribuito anche a definire le diverse identità delle genti che lo abitano. Non a caso, il volantino usato per pubblicizzare la mostra, ripropone la veste grafica della Propustnica, il lasciapassare quinquennale che tutti gli Isontini esibivano nei passaggi rapidi attraverso i valichi secondari. Alla base di questa riflessione attraverso le fotografie c'è il concetto stesso di confine, come elemento di demarcazione concreto, segnalato, tangibile, ma anche come limite che crea discontinuità, circoscrive, divide, territori tra loro noti, spazi conosciuti. Con effetti sulle persone che sono sempre drammatici, spesso laceranti, ma al contempo funzionano all'interno della società, poiché creano una sensazione rassicurante, di appartenenza ad un proprio mondo e di definizione della propria identità. E poi c'è il concetto di frontiera, non un confine fisso e invalicabile, ma una linea ultima, che segna il margine estremo di un territorio noto, oltre il quale c'è l'ignoto, una zona geografica elastica, affacciata su terre sconosciute, forse pericolose; ma è un concetto applicabile anche alle situazioni, dove allora la frontiera agisce come sfida da superare, per spostarla in senso progressivo. Infine, il valico, la zona di passaggio, di transito: allo stesso tempo ciò che separa, marca la reciproca estraneità di due zone, e ciò che le connette, le unisce, le mette in relazione.

"La mostra di Deiuri - commenta l'assessore Carla De Faveri - ha il merito di tradurre in evidenze concrete elementi che fanno parte del vissuto del nostro territroio nell'estremo nordest italiano. Esperienze legate ai valichi, ai cippi, ai controlli, aii lasciapassare, a procedure che qui avevamo in parte già dimenticato. Le suggestioni create inevitabilmente inducono a porci degli interrogativi sulla necessità - che ciclicamente ritorna - di erigere barriere e muri a difesa della propria quotidiana esistenza, e sull'opportunità di trasformare terre di frontiera in terre di confine."

L'esposizione è proposta dall'Assessorato alla Cultura con la Biblioteca Comunale di Turriaco e il patrocinio del Consorzio Culturale del Monfalconese e sarà visitabile fino al 3 agosto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30, il sabato solo la mattina.

Livio Nonis