Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

I due lati del cerchio

Con la partecipazione in voce di Ariella Reggio
(ph. La Contrada)
Trieste
via dei Fabbri 2
Teatro dei Fabbri
26/01/17
21

Spettacolo che rievoca la tragedia della Shoah scritto e interpretato da Francesco Godina e Giuseppe Nicodemo, in scena con Enza De Rose e con l’amichevole partecipazione in voce di Ariella Reggio. Musiche di Lorenzo Cossi.

I due lati del cerchio, mettendo al bando ipocrisie, banalità e facili soluzioni, vuole prendere l’onere di essere l’humus fertile in cui nasceranno, matureranno e vivranno il ricordo e le esperienze di due testimoni importanti, Elvia Bergamasco che all’età di 18 anni ha vissuto l’esperienza della deportazione a Auschwitz, e Armando Gasiani, deportato a Mathausen.

Ricordare tutto questo oggi significa porre attenzione a quello che avviene tra gli uomini: torture, stragi, privazioni di identità e di diritti.

La storia viene raccontata dal punto di vista di chi ha subìto e dal punto di vista di chi ha agito: tutte le testimonianze, a sé stanti, sono legittime e indiscutibili; è il contesto in cui vengono raccontate che le rende giuste o sbagliate, accettabili o ripugnanti.

Va in scena la testimonianza di chi quegli abusi li ha subiti e la voce di coloro che li raccontano ancora oggi;  Elvia Bergamasco e ad Armando Gasiani insieme agli autori di questo spettacolo prodotto dalla Contrada insieme al Teatro Nazionale Croato Ivan Pl. Zajc di Fiume: le cene, i caffè e le chiacchierate che queste persone hanno condiviso per la creazione della rappresentazione.