Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Il "maestro" Von Eckardstein in concerto a Trieste

L'artista tedesco per una circolare suggestione nel segno di grandi autori francesi
Trieste

Hotel Savoia
18/10/21
18 e 20

Entra nel vivo la 20^ edizione del Festival Pianistico “Giovani interpreti e grandi Maestri”, di scena a Trieste fino al 29 novembre, per iniziativa dell’Associazione Chamber Music Trieste e per la direzione artistica della musicologa Fedra Florit.

Lunedì 18 ottobre, con duplice concerto alle 18 e alle 20, appuntamento con l’artista tedesco Severin Von Eckardstein, uno dei maggiori talenti internazionali della sua generazione, acclamato nelle più prestigiose sale da concerto del mondo.  

La sua esibizione triestina avrà un andamento di circolare suggestione nel segno di grandi autori francesi: aprirà infatti conImages 1ere série” di Claude Debussy, proseguirà con le “Ronde champêtre” di Emmanuel Chabrier, e “Le chant de la mer” di Gustave Samazeuilh, si completerà con le “Images 2ème série” sempre di Claude Debussy. Info e dettagli: acmtrioditrieste.it

Il concerto di Severin Von Eckardstein offre una elegante piacevole occasione per immergerci nelle atmosfere dell’ispirazione francese di inizio Novecento: le Images 1ere série” furono infatti composte da Claude Debussy nel 1905 mentre si trovava a Eastbourne, in Inghilterra. La serie era stata promessa all'editore Durand e Debussy gli garantì che i tre pezzi avrebbero saputo "farsi valere e conquistarsi un posto nella letteratura del pianoforte... alla sinistra di Schumann o alla destra di Chopin, as you like it”. Si tratta effettivamente di un'opera già matura, senza dubbio uno dei risultati più alti dell'arte compositiva di Debussy. “Ronde champêtre” fu invece composta da Emmanuel Chabrier intorno al 1870: il tema di apertura è tratto dall'aria di Poussah da Fisch-Ton-Kan, l'operetta scritta nel 1864 in collaborazione con Paul Verlaine. E infine Gustave Samazeuilh, noto soprattutto come musicografo e instancabile trascrittore per pianoforte di opere orchestrali, intimo di Ravel e vicino a Debussy e a Dukas, fu anche un raffinato compositore, benché oggi misconosciuto. Fra i suoi rari pezzi per pianoforte, spicca per intensità proprio il ciclo Le Chant de la mer (1919) che sarà eseguito a Trieste. Severin Von Eckardstein ha ormai consolidato una solidissima presenza sui palcoscenici delle più prestigiose sale da concerto del mondo, e ha entusiasmato il pubblico a Berlino, Monaco, Mosca, Parigi, Londra, New York, Amsterdam, Hong Kong, Tokyo e Seul. Il suo talento si può apprezzare altresì nei festival di Aldenburg, al Ruhr Piano Festival, a “La Roque d’Anthéron”, allo Schleswig-Holstein, al Miami International Piano Festival. Ha collaborato con direttori quali Valerij Gergiev, Philippe Herreweghe, Lothar Zagrosek, Marek Janowski, Walter Weller, con debutti importanti al Concertgebouw, assieme alla Royal Concertgebouw Orchestra per la direzione di Paavo Järvi nel 2007 e nel 2012, con la Dallas Symphony Orchestra e il direttore Jaap van Zweden. Molti dei concerti di von Eckardstein sono stati registrati e trasmessi dalle maggiori emittenti televisive. Come ospite ripetutamente invitato nella serie di concerti “Maestri del pianoforte” ad Amsterdam, ha tenuto il concerto di apertura della venticinquesima edizione, con un ulteriore invito poi nel 2014. Nato a Düsseldorf nel 1978, ha vinto numerosi premi, tra cui il Primo Premio al Concorso Regina Elisabetta del Belgio a Bruxelles nel 2003 e nello stesso anno l’Echo Klassik Award e il Premio Europeo per la Cultura. La sua formazione artistica e strumentale si è andata consolidando accanto a Barbara Szczepanska, Karl-Heinz Kammeriling e Klaus Hellwig all’Università delle Arti di Berlino e successivamente all’Accademia di Como. Inoltre, ha seguito anche gli insegnamenti di Brendel, Vitalij Margulis, Schnabel, Alicia de Larrocha, Leon Fleischer e Menahen Pressler. Anche la Musica da camera ha uno spazio significativo nell’attività artistica di Eckardstein, grazie alla partecipazione ai Festival di Khumo e Risor in Norvegia, dove ha suonato con il cellista Heinrich Schiff. Il repertorio di Eckardstein è assai ampio – dal barocco alle opere di autori contemporanei. Le sue registrazioni, dedicate alle opere del compositore tardo romantico Nicolai Medtner, a Skrjabin, Schubert, Wagner, Debussy, Janáček, Glazunov, hanno ricevuto entusiastici consensi da parte della critica musicale internazionale.