Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Il Milione ovvero il libro delle meraviglie

Assieme all'ensemble di musica medievale laReverdie
(ph. Antonio Mattei)
Monfalcone
Teatro Comunale, corso del Popolo 20
15/12/16
20.45

Il concerto dal suggestivo titolo Il Milione ovvero il libro delle meraviglie vede protagonisti l'ensemble di musica medievale laReverdie, David Riondino quale voce narrante e i musicisti Rana Shieh e Elena Baldassarri. laReverdie festeggia a Monfalcone il suo trentesimo compleanno: è infatti il 1986 quando due coppie di giovanissime sorelle (Claudia e Livia Caffagni, Elisabetta e Ella de Mircovich) fondano questo ensemble di musica medievale, che si è affermato nel corso del tempo come un gruppo assolutamente unico nel suo genere.

La fama di Marco Polo, a differenza dei molti altri che in epoche lontane osarono affrontare lunghi e pericolosi viaggi a scopi principalmente commerciali, sta nel fatto di aver lasciato una ricca documentazione in forma di racconto di questa straordinaria esperienza di vita: un racconto che, filtrato dalla penna abile di un poeta di Chanson de geste quale il pisano Rustichello, alterna la descrizione di luoghi alla narrazione di eventi storici e leggende. Gli usi e costumi nelle diverse regioni che il protagonista attraversa durante il viaggio vengono descritti con nitidezza a volte scientifica, pur lasciando grande spazio al meraviglioso.

Dalla lettura di questa incredibile opera nasce l’idea di affidare alla voce narrante di David Riondino la narrazione di alcune tappe di questo racconto di viaggio e di costruire una sorta di colonna sonora in cui laReverdie dà suono ad alcuni dei temi toccati da Marco Polo. Se la narrazione racconta un mondo meraviglioso ed esotico, con una logica e uno stile profondamente legati al mondo medievale Occidentale, la musica che la commenta proviene dall'ambiente veneto e francese coevo. Ma l’atmosfera dei luoghi, dei colori e dei profumi trova nell’improvvisazione di un kamancheh persiano e nei ritmi del tabla, suonati da due musiciste specializzate in repertorio orientale, un contraltare sonoro che inevitabilmente proietta lo spettatore in quel mondo meraviglioso e remoto, che tanto profondamente impressionò Marco e Rustichello e che ancor oggi rapisce il pubblico.

Il repertorio improvvisato da Rana Shieh al kamancheh e da Elena Baldassarri al tabla, che si inserisce nel racconto insieme al repertorio medievale occidentale, nasce dall'incontro di due grandi tradizioni musicali, quella persiana e quella indiana, nella ricerca di un percorso comune per la ricostruzione sonora delle suggestioni provate da Marco Polo lungo la via della Seta.