Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Jack Quartet

A Pordenone il concerto dell'"Ensemble dell'anno"
Pordenone

09/04/19
20.45
Pordenone
via Martelli 2
Pordenone

La celebre e più antica rivista americana di musica classica “Musical America” li ha appena riconosciuti come l’Ensemble dell’anno: arriva martedì 9 aprile al Teatro Verdi di Pordenone il Jack Quartet, «supereroi del nuovo mondo della musica» come li ha definiti il Boston Globe. Austin Wulliman e Christopher Otto ai violini, John Pickford Richards alla viola, Jay Campbell al violoncello sono musicisti impostisi all’attenzione internazionale con la vittoria in numerosi concorsi e con il consenso della critica per i concerti in sedi come la Carnegie Hall e il Lincoln Center di New York, la Wigmore Hall di Londra, l’Ircam di Parigi, il Festival di Lucerna, la Biennale di Venezia, i Bbc Proms di Londra.

La data di Pordenone del Jack Quartet, ormai a tutti gli effetti ritenuto icona della musica contemporanea, rientra nel Tour dell'ensemble che toccherà le principali e conclamate sale da concerto internazionali: Pordenone figura tra città simbolo della tradizione musicale come Colona, Dresda, Vienna, Lucerna, Londra.

Il Washington Post ha definito questo ensemble «il quartetto da ascoltare per la musica contemporanea, che unisce un impeccabile talento musicale a una notevole intensità intellettuale». Dedito all’educazione musicale, il Jack Quartet è ospitato ogni anno da scuole come la Columbia University, l'Harvard University, la Princeton University: la sua attività artistica è volta al commissionare e al diffondere nuova musica per quartetto d’archi.

A Pordenone porteranno un programma in cui figurano lavori di Zosha di Castri (il Quartetto n.1), una delle più eclettiche e interessanti compositrici della scena canadese e americana. Seguono pagine di György Ligeti, Rodericus ed Elliott Carter.