Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

La tempesta

La commedia ritenuta il testamento artistico del Bardo
(ph. Fabio Donato)
28/01 e fino al 30/01
20.45 (giovedì ore 19.30)
Udine
via Trento 4
Udine

Illuminato pioniere della contaminazione artistica, il regista Luca De Fusco ritorna al Teatro Nuovo Giovanni da Udine affrontando con il suo inconfondibile stile la commedia ritenuta tradizionalmente il testamento artistico di William Shakespeare, La Tempesta, e affidando ad Eros Pagni, gigante assoluto del palcoscenico, il ruolo emblematico del protagonista, Prospero.

In scena dal 28 al 30 gennaio 2020, la Tempesta è una favola pervasa da una visione rassegnata e insieme serena della vita ma anche un ragionamento appassionato e stringente sull’oggi. Prospero, spodestato dal ducato di Milano, dopo aver vissuto dodici anni in un’isola deserta con la figlia Miranda, con il selvaggio Caliban e lo spirito Ariel, usa i suoi poteri magici per scatenare una tempesta, far espiare al re di Napoli e al fratello Antonio le loro colpe e riacquistare il ducato perduto, non prima di aver propiziato il matrimonio della figlia con Ferdinando, figlio del re di Napoli.

“Eros Pagni sarà un mago chiuso nel suo luogo di studio e riflessione che si trasfigura con giochi di allucinazioni creando un’isola che non c’è – spiega il regista Luca De Fusco, che ha curato la regia ma anche l’adattamento del testo shakespeariano -. Tutto è nella testa del mago, compresi Ariel e Calibano, che divengono in questa lettura una sorta di Jekyll e Hyde. Ecco perché la scena della Tempesta è una citazione della biblioteca mediatica del protagonista, ecco perché i suoi avversari si presentano con abiti delle più svariate epoche, essendo nient’altro che citazioni della cultura occidentale, l’unica esperienza che questo intellettuale agorafobico abbia avuto nella sua vita”.

Accanto ad Eros Pagni in scena vi sono Gaia Aprea, Alessandro Balletta, Silvia Biancalana, Paolo Cresta, Gennaro Di Biase, Gianluca Musiu, Alessandra Pacifico Griffini, Alfonso Postiglione, Carlo Sciaccaluga, Francesco Scolaro, Paolo Serra ed Enzo Turrin.
Marta Crisolini Malatesta firma le scene e i costumi, Gigi Saccomandi il disegno luci. Installazioni video di Alessandro Papa, movimenti coreografici di Emio Greco e Pieter C. Scholten, adattamento vocale di Ciro Cascino. Produzione del Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Nazionale di Genova, Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia.