Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Music

Le meraviglie di Mozart risuonano a Gorizia

Le eccellenze musicali del territorio per le composizioni del genio di Salisburgo
Le autorità intervenute alla presentazione del concerto
27/11/21
20.30
Gorizia
via Garibaldi 2/a
Gorizia

Presentato nel foyer del Teatro Giuseppe Verdi a Gorizia il concerto Wolfgang Amadeus Mozart: la Meraviglia che unisce in programma sabato 27 novembre alle ore 20.30 proprio al Teatro comunale cittadino.

A illustrare nel dettaglio il progetto e la nutrita rete di soggetti che lo ha reso possibile sono intervenuti il sindaco Rodolfo Ziberna, l’assessore alla cultura Fabrizio Oreti, il presidente dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Sergio Cuzzi, il direttore dell’ERTFVG Renato Manzoni, il curatore del progetto M° Marco Feruglio e la direttrice del Centro Sloveno di Educazione Musicale Emil Komel e presidente dell’Associazione Arsatelier Alessandra Schettino.

Il catalogo delle opere di Mozart è la linfa di questo concerto che riunisce, sotto l’egida di Comune di Gorizia ed Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, le eccellenze musicali del territorio. Un gruppo di affermati cantanti, i dinamici complessi corali del Centro Sloveno di Educazione Musicale Emil Komel e dell’Associazione Arsatelier e l’Orchestra San Marco saranno impegnati in un programma monografico dedicato al genio di Salisburgo che proporrà brani celebri e sorprendenti composizioni meno note: si spazierà, quindi, dall’ouverture della Serenata Posthorn ad una selezione di arie e duetti tratta de Le nozze di Figaro (Hai già vinto la causa… Vedrò mentr’io sospiro; E Susanna non vien… Dove sono i bei momenti; Crudel perché farmi languir così; Giunse alfin il momento… Deh vieni non tardar; Non più andrai farfallone amoroso) per arrivare poi alle musiche di scena per il dramma Thamos Re d’Egitto di Thobias Philipp von Gebler.

I solisti principali saranno la soprano Gaja Sorč e il baritono Christian Federici.
Formatasi all’Accademia di musica di Lubiana, nella primavera di quest’anno Gaja Sorč ha vinto la prima edizione del Concorso Internazionale Musica Goritiensis organizzato dal Centro sloveno di educazione musicale Emil Komel e dal Kulturni center Lojze Bratuž di Gorizia. Tra i diversi progetti ai quali ha partecipato ricordiamo l’opera di Radovan Gobec Hmeljska princesa, Giulietta di Aleš Makovac, la nuova opera slovena di Tomaž Svete Hiša Usmiljenja e nell’estate di quest’anno Gianni Schicchi di Puccini alla prestigiosa Accademia dell'Opera di Berlino. Vincitore nel 2018 dei concorsi internazionali del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e Toti Dal Monte di Treviso, Christian Federici vanta già un’importante carriera a livello internazionale. Tra i progetti lirici più recenti Le Nozze di Figaro di Mozart in scena nel 2019 in diversi teatri italiani e all’Opera di Marsiglia, e Madama Butterfly di Puccini, rappresentato quest’anno all’Opera di Hong Kong e all’Opera di Avignone. Nel prossimo futuro sarà impegnato nel Concerto di Fine Anno del Lirico Teatro Verdi di Trieste e ne La Bohème di Puccini al Japan Opera Festival di Tokyo.

Fondata nel 1969 e attualmente diretta dal M° Federico Lovato, l’Orchestra San Marco cura una regolare stagione concertistica a Pordenone e si esibisce in tutta Italia con un repertorio che spazia tra le epoche: dalla musica barocca e classica eseguita su strumenti originali ai grandi romantici, dal Novecento storico alla musica da film, sino alle più recenti contaminazioni crossover tra classico e leggero. A dirigere l’orchestra sarà il M° Marco Feruglio che ha curato anche l’ideazione e l’allestimento del concerto. Vincitore del Concorso internazionale per direttori d’orchestra “Bottega” di Peter Maag, Feruglio ha diretto, tra le altre, l’Orchestra Filarmonica di Zagabria, la Janáček Philharmonic Orchestra, la Savaria Symphony, l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra della Radio Televisione Slovena, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana e la Cappella Istropolitana di Bratislava collaborando con Sayaka Shoij, Jörg Demus, Franco Gulli, Massimo Quarta, Mikail Rudy. Dal 2011 è Direttore artistico e dal 2013 anche Sovrintendente della Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Dal 2005 è direttore artistico e musicale dell’Ensemble vocale e Orchestra su strumenti originali Collegium Apollineum.

Il concerto vedrà l’esibizione del coro Komel Arsatelier formatosi nell’ambito del Centro sloveno di educazione musicale Emil Komel e del Centro internazionale di musica e arte Arsatelier di Gorizia e composto da musicisti e cantanti dell’area isontina italiana e slovena. Il coro sarà diretto da Mateja Černic, premiata quest’anno come miglior direttore italiano al Concorso internazionale per direttori di coro Fosco Corti. Ha fatto parte dell’eccellenza corale italiana, slovena e internazionale cantando in diverse formazioni e dal 2007 al 2020 ha diretto il coro femminile Bodeča Neža con il quale ha ottenuto importanti risultati a livello internazionale. Docente di vocalità e direzione di coro per diverse realtà, dal 2019 dirige il Coro giovanile Emil Komel di Gorizia.

Curato dal Marco Feruglio, Wolfgang Amadeus Mozart: la Meraviglia che unisce è organizzato da Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, Comune di Gorizia, Teatro comunale Giuseppe Verdi di Gorizia, ArsAtelier – Centro internazionale di musica e arte e Centro sloveno di educazione musicale Emil Komel di Gorizia, Orchestra e Coro San Marco di Pordenone, Associazione musicale Coro da Camera Udinese e Kulturni Center Lojze Bratuž di Gorizia. L’iniziativa vede il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, del MiC – Ministero della Cultura e il patrocinio di Go! 2025 Nova Gorica - Gorizia Capitale europea della cultura.