Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Luce senza tempo

Retrospettiva dedicata all’artista istriana (Parenzo 1918 - Trieste 2015)
23099
A Barcola fine anni 60 - olio su tela - cm 40x50 (ph. Marino Sterle)
Trieste
piazza Piccola 2
Sala Veruda
14/01 e fino al 12/02
10-13/17-20
335 6750946

La mostra è realizzata con il contributo del Comune di Trieste ed è ideata e curata dall’architetto Marianna Accerboni: si propone di testimoniare in modo esaustivo, attraverso oltre una cinquantina di opere a olio dedicate soprattutto alla sua maniera più recente ispirata al paesaggio e alla natura morta, e con l’ausilio di documenti e video, la vita e la creatività di una pittrice di talento, coraggiosa e intraprendente. La Carella infatti, rimasta vedova del gen. Ubaldo, conte del ramo cadetto dei principi Carella di Palermo, con tre bambini (Roberto, oggi giornalista, Renato alto funzionario all’aeroporto romano di Fiumicino, e Raffaele biologo) seppe mantenere con la sua attività artistica la propria famiglia, operando con grande successo a Roma, Trieste, in Europa e negli Stati Uniti, come ritrattista di successo dei personaggi famosi e, più tardi, autrice di apprezzati paesaggi e nature morte. Non a caso nel 2007 il Comune di Trieste, con la Commissione Pari Opportunità, le conferì la prima edizione del Premio di Vetro, istituito per valorizzare in particolare le donne triestine distintesi nel mondo del lavoro e per aver portato alto il nome della città nel mondo.

Nel corso della vernice sarà presentata una monografia a colori dedicata alla vita e alle opere della Carella, a cura di Accerboni con contributi del Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, del Presidente del Teatro Rossetti Sergio Pacor, del giornalista Ruggero Orlando, dei critici Rossana Bossaglia e Giulio Montenero, del figlio Raffaele e della curatrice e con le foto di Marino Sterle, Fabio Rinaldi e Franco Viezzoli.

Nell’ambito della rassegna avranno luogo a Palazzo Costanzi quattro eventi collaterali condotti da Accerboni: domenica 21 gennaio e 4 febbraio, dalle 11 alle 13, visite guidate e laboratori di disegno e pitturaispirati alle opere della Carella e rivolti, in particolare, ai giovanissimi (per i laboratori e altre visite guidate prenotazioni al 335 6750946); il 27 gennaio alle ore 18.30 conversazione a più voci tra artisti, critici e gente comune che conobbero l’artista, in cui verranno approfonditi più aspetti della sua vita e del milieu culturale, sociale e artistico dell’epoca, con particolare riferimento alla condizione femminile nel ‘900; il 10 febbraio ore 21, concerto breve con l’esecuzione delle musiche predilette dalla pittrice e l’interpretazione, attraverso la musica, dei dipinti esposti.

A conclusione dell’inaugurazione e di ogni evento vin d’honneur offerto da Tenuta Baroni del Mestri (Cormons, Gorizia).