Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Monfalcone rivive il destino di Parigi

Un generale nazista e un console svedese nella notte della decisione irrevocabile
(© Laila Pozzo)
Monfalcone

06/12 e fino al 07/12
20.45
Monfalcone
corso del Popolo 20
Monfalcone

Dopo aver trionfato nei teatri francesi arriva in Italia, grazie al Teatro dell’Elfo, il testo di Cyril Gely Diplomazia.

Al Comunale lunedì 6 e martedì 7 dicembre, alle ore 20.45, è di scena la drammatica notte in cui il destino di Parigi dipese dalla decisione di un solo uomo: il generale tedesco che, ricevuto da Hitler l’ordine di radere al suolo la città, trascorre una notte dell’agosto 1944 a discutere con il console svedese, che usa tutta la sua dialettica per convincerlo a disobbedire. Una disputa verbale senza esclusione di colpi, due ruoli perfetti per Elio De Capitani (che firma anche la regia insieme a Francesco Frongia) e Ferdinando Bruni.

Due bellissimi personaggi che offrono ai registi dell’Elfo, De Capitani e Frongia, la materia viva per un nuovo affondo nella storia del “secolo breve”. È lo scontro tra la brutalità della guerra che conosce solo il linguaggio della prevaricazione e della devastazione, e la volontà di sopravvivenza del coraggio di essere uomini, per conservare dignità e intelligenza. L’aggressività, il dubbio dell’obbedienza cieca, l’impazienza del generale Dietrich von Choltitz da un lato e la ragione, l’eleganza, la meditata lucidità del console svedese Raoul Nordling dall’altro. Libertà, destino e responsabilità individuali: grandi temi di ieri e di oggi che sul palcoscenico s’illuminano di tutta la loro attualità. Perché solo la forza del teatro sa rendere palpitante il nostro passato, trasformando la Storia in un racconto epico ed emozionante nel quale affondano le radici della nostra società.