Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Orchestra San Marco

Musiche di autori ebrei ungheresi
(ph. Associazione Musica Libera)
Trieste
Auditorium Museo Revoltella, via Diaz 27
10/11/16
18.30

Terzultimo appuntamento per la terza edizione del Festival Viktor Ullmann, unico in Europa dedicato alla musica concentrazionaria, degenerata e dell'esilio che vedrà protagonista l'Orchestra San Marco di Pordenone diretta da Davide Casali e viola solista Peter Barsony all'Auditorium del Museo Revoltella di via Diaz 27 a Trieste, in collaborazione con la Comunità Ebraica di Trieste, giovedì 10 novembre 2016 alle ore 18.30 con ingresso libero e gratuito. Per la prima volta in Italia, verranno eseguiti due divertimenti per orchestra d'archi di Leo Weiner

“Sarà – anticipa il Direttore d'orchestra e presidente dell'Associazione Culturale Musica Libera, Davide Casali – un'occasione rara se non unica di ascoltare musiche di autori ebrei ungheresi che durante la Shoah sono dovuti fuggire all'estero o che sono stati imprigionati nei ghetti europei. Verranno eseguiti per la prima volta in Italia due divertimenti per orchestra d'archi di Leo Weiner, compositore di Budapest considerato un grandissimo didatta che per lungo tempo fu prigioniero nel ghetto di Budapest. Con la presenza del violista Peter Barsony, professore all'accademia Franz List di Budapest, verrà eseguito Yizkor (In Memorian) di Oedoen Partos per viola e orchestra d'archi del 1947, pezzo scritto per ricordare le brutture della Shoah. Seguirà un pezzo per orchestra d'archi Op. 17 di Miklòs Rozsa, compositore ungherese noto per aver scritto tantissime colonne sonore durante il suo periodo d'esilio negli Stati Uniti come quelle per le pellicole “Ben Hur”, “Quo Vadis” e “Il Ladro di Baghdad” che gli fecero guadagnare maggiore fama rispetto alla musica classica composta negli anni precedenti alla Seconda guerra mondiale”.