Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Otello

Gelosia, amore e tradimento nella creazione del coreografo Fabrizio Monteverde
Azzano Decimo

Teatro Mascherini
03/04/19
21
0434 636720

Il Balletto di Roma metterà in scena Otello, una delle produzioni di maggiore successo della compagnia, nella sua versione originale: il coreografo Fabrizio Monteverde ha, infatti, voluto riallestire questo suo lavoro che, sulle musiche di Dvořák, rivisita il testo shakespeariano lavorando sugli snodi psicologici del complesso intreccio tra Otello, Desdemona e Cassio. In scena nei ruoli principali i danzatori Vincenzo Carpino (Otello), Roberta De Simone (Desdemona), Riccardo Ciarpella (Cassio), Paolo Barbonaglia (Iago) e Azzurra Schena (Emilia).

Nell’immaginario comune la figura di Otello è indissolubilmente legata alla gelosia e all’estremizzazione di un sentimento malsano che può culminare in tragedia. A questa visione il coreografo Fabrizio Monteverde si accosta non solo rinunciando all’utilizzo del movente principale dell’azione, cioè la parola, ma moltiplicando esponenzialmente l’azione stessa fino a far diventare il destino del singolo una pena generale.

Come nella tragedia di Shakespeare, anche nella coreografia di Monteverde è il personaggio di Iago ad insinuare il dubbio fatale del tradimento di Desdemona nei confronti del Moro e ad architettare la trama che condurrà quest’ultimo al folle atto finale. Attraverso la musica di Dvořák, Monteverde scava nella psicologia dei personaggi shakespeariani in una scena caratterizzata dalle tinte del rosso e del nero, colori che rimandano alla passione e alla morte.

Riconosciuto come uno dei migliori coreografi di danza contemporanea del nostro paese, Fabrizio Monteverde inizia la sua attività artistica nel 1976 come attore e aiuto regista, e parallelamente studia danza al Centro Professionale Danza

Contemporanea di Roma, perfezionandosi in seguito con maestri come Carolyn Carlson e Moses Pendleton. Nel 1988 inizia la collaborazione con il Balletto di Toscana e con il brano Era Eterna avvia un sodalizio artistico che furerà fino al 2000. Oltre ad Otello, per il Balletto di Roma ha realizzato Giulietta e Romeo, Cenerentola, Bolero, Il lago dei cigni, ovvero Il canto e dal 2015 è coreografo associato della compagnia.

Il Balletto di Roma nasce nel 1960 dal sodalizio artistico tra Franca Bartolomei, prima ballerina e coreografa dei principali teatri d’opera italiani e internazionali, e Walter Zappolini, direttore della Scuola di ballo del Teatro dell’Opera di Roma.

La compagnia promuove da sempre la produzione e la diffusione della danza d’autore italiana in Europa e nel mondo, con un repertorio aperto all’innovazione e alla ricerca che mantiene allo stesso tempo una forte attenzione alla storia e alla tradizione che lo hanno reso famoso.