Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Live music

Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura

A Pordenone un concerto speciale a ritmo di jazz
31878
Pordenone

08/12/19
20.45
4
Pordenone
via Martelli 2
Pordenone

Il tradizionale evento “L’artista si racconta in teatro Secondo Memorial Beniamino Gavasso”, di grande intensità musicale ed emozionale per diversi elementi, prevede, anche per il 2019, la presenza di un noto artista.

Quest’anno gli artisti prescelti saranno due ed entrambi appartengono al mondo della musica jazz. Si tratta di celebri personaggi a livello internazionale: Paolo Fresu, trombettista e flicornista d’eccellenza, attivo oggi con una miriade di progetti che lo vedono impegnato per oltre duecento concerti all’anno, pressoché in ogni parte del globo, e Daniele Di Bonaventura in concerto con l’Accademia Musicale Naonis in formazione orchestrale eseguiranno “Vinodentro”, percorso musicale che è divenuto film. Un concerto di grande effetto che vive di intimismo e di piccole cose che raccontano i grandi colori dell'universo musicale contemporaneo.

Le composizioni musicali sono affidate alla tromba di Fresu, al bandoneòn e al pianoforte di Di Bonaventura e agli archi dell’Orchestra dell’Accademia Musicale Naonis diretti dal maestro Valter Sivilotti che completeranno il quadro musicale affiancando il duo sul palco del Teatro Verdi a Pordenone, in occasione del secondo memorial dedicato a Beniamino Gavasso, fondatore e ideatore

dell’Accademia Muiscale Naonis, prematuramente scomparso. Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura sono due fra i jazzisti più interessanti della generazione maturata nel corso degli anni ’90, largamente apprezzati, non solo in Italia, per le loro rare qualità artistiche. Jazzisti curiosi, aperti alle più diverse esperienze musicali, a partire da quelle legate ai loro rispettivi luoghi d’origine, la Sardegna e le Marche.

Quello del trombettista sardo e del bandoneonista marchigiano è un sodalizio ben rodato, artefici di un dialogo in musica nel segno degli strumenti ad aria e di un lirismo dagli aromi mediterranei. È un incontro sul filo dell'intimismo e di un fecondo interplay, fra jazz, tango, richiami alla tradizione sarda, musica sacra e operistica.

Si sono imposti, oltre che per la loro indiscutibile tecnica strumentale anche per un non comune talento compositivo, che li porta a prediligere il ruolo di leader in progetti sempre nuovi e stimolanti. Nella proposta, notevole attenzione è dedicata ai giovani grazie alla partecipazione del coro VocinVolo di Udine diretto da Lucia Follador e Ritmea, talenti e personalità che appartengono al nostro territorio. Con l'obiettivo di offrire alla città un evento eccezionale e di respiro internazionale, si sottolinea la collaborazione con l’Associazione Controtempo - Il volo del Jazz, che nasce dalla volontà di creare cooperazioni volte alla diffusione di iniziative di altissimo livello.

Sinergie fra Associazioni che perseguono l’intento di rafforzare la volontà di promuovere la passione per la buona cultura e testimoniare di come si può rendere la musica, una forma interattiva di linguaggi diversi da configurarsi come prezioso strumento formativo, multidisciplinare culturale e interculturale.

Numerosi e a diverso livello i partner che partecipano al progetto, quali in primis la Regione Friuli Venezia Giulia, il Comune di Pordenone, il Comune di Fontanafredda, la Fondazione Friuli, la Banca Credit Agricole Agenzia n.1 di Pordenone.

La proposta, va oltre l’idea di concerto, ma rientra in un piano di promozione e valorizzazione integrata che abbraccia diverse parti culturali del “marchio Pordenone”.