Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Ramin Bahrami e Danilo Rea

I due straordinari pianisti a Monfalcone per una ricorrenza speciale
(© Francesco Giusti)
Monfalcone

30/04/18
20.45
Monfalcone
corso del Popolo 20
Monfalcone

Il 30 aprile ricorre l’International Jazz Day, istituito nel 2011 dall’Unesco con l’intento di celebrare la musica jazz come simbolo di unione, pace e dialogo fra le culture. E lunedì 30 aprile alle 20.45, in esclusiva regionale, salgono sul palcoscenico del Comunale Ramin Bahrami e Danilo Rea, protagonisti del concerto Bach is in the air. Due pianoforti e due straordinari pianisti per un viaggio attraverso l’ineguagliabile musica di J. S. Bach: l’eccellenza tecnica e interpretativa di Ramin Bahrami, fra i più sensibili interpreti bachiani contemporanei, si sposa con l'estro di Danilo Rea che, grazie alla sua grande versatilità e apertura musicale, si conferma uno dei più importanti pianisti jazz. Un’audace incursione in terre di confine fra jazz e musica classica, fra lettura fedele e improvvisazione.

Ispirato dall’affascinante suggestione di sovrapporre l’improvvisazione jazz al contrappunto severo, il progetto Bach is in the air prende forma nel corso di un intenso tour triennale intrapreso dal duo Bahrami-Rea sui palcoscenici europei, prima di concretizzarsi nella primavera del 2017 in una celebrata incisione discografica distribuita da Decca. Attraverso un percorso musicale che esplora le pagine meno eseguite della produzione tastieristica del genio tedesco, due pianoforti intrecciano la controllata densità polifonica della scrittura originale all’estrosa libertà interpretativa di una sua rivisitazione estemporanea.

Obiettivo dichiarato è quello di cogliere lo spirito contemporaneo della musica di Bach. La pratica improvvisativa, modus operandi della musica jazz, è ben presente fin dall’Ars antiqua medievale e diviene matrice in epoca rinascimentale delle forme strumentali più arcaiche; a valenti maestri del Barocco nell’arte dell’improvvisazione seguono, nel Settecento, memorabili competizioni fra i massimi virtuosi della tastiera: Scarlatti e Händel si sfidano al clavicembalo, così come Mozart duella al pianoforte con Clementi. D’altro canto, il contrappunto e la plasticità ritmica che presiedono all’opera bachiana sono stati spesso eletti a modello per ardite sperimentazioni nel jazz.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell'ambito di "Dietro le quinte", avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura di Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale, e del musicologo Mauro Masiero, presidente dell'Associazione Bacharo Tour.