Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Ritratto di donna in abito bianco e sciarpa nera

A Trieste lo spettacolo a cura dell’associazione culturale Atto Quinto
Trieste

Teatro San Giovanni
28/11/21
17

Il monologo per attrice “Ritratto di donna in abito bianco e sciarpa nera”, prodotto dall’associazione culturale Atto Quinto, nasce come una risposta ideale al celebre lavoro di Jean Cocteau “La Voix Humaine”: attraverso una rilettura dell’opera francese e grazie alla contaminazione con le liriche d’amore dei poeti Saffo e Kavafis, l’attrice Sara Cechet Woodcock, in sinergia con il co-regista Raffaele Sincovich, ne ha cercato la dimensione contemporanea, riallacciandosi all’attualità, e interpretando il testo in chiave essenziale. Filo conduttore è la violenza dell’amore tradito, che risuona attraverso i versi dei due poeti che inframmezzano l’azione scenica, sottolineando ulteriormente il tema: l’amore non corrisposto, appunto, la solitudine, la reazione ostinata - a tratti folle - verso una realtà che non si riesce ad accettare, la violenza delle menzogne e del tradimento.

L’altro tema centrale del monologo è quello della distanza, esemplificata – nella nostra regia – da un oggetto ben preciso: il telefono, catturato in un’immagine volutamente “retro’”, un telefono d’epoca, con un filo che allaccia, cattura e avvolge, imprigionando la protagonista in una storia d’amore che, ormai, è soltanto nella sua mente.

Si tratta dunque di un progetto ambizioso che affronta testi molto famosi e dal valore culturale indiscusso: la sfida che ci poniamo è di renderli vivi, di farli “parlare” allo spettatore di oggi, attraverso la voce di una donna in cui chiunque possa ritrovarsi. Il lavoro di regia e di interpretazione segue il doppio binario della parola e del gesto, della voce e del corpo, mettendo a nudo – attraverso una voce di donna, disperatamente aggrappata ad un filo di vita – la ferocia e la disumanità di un sentimento violentato.

Il testo è delicato e poetico, ma descrive bene la condizione di sudditanza che non permette a chi la vive di riconoscere con chiarezza i segni di una violenza psicologica, in cui qualsiasi donna può venirsi a trovare; una situazione difficile da riconoscere, soprattutto da chi la vive in prima persona, e che tuttavia è spesso alla base di rapporti squilibrati e “tossici” e che può condurre a più gravi e pericolosi sviluppi.

Da questo punto di vista, il teatro può farci da specchio, da lente di ingrandimento; può  illuminare come un faro le zone più buie e inesplorate della nostra anima.

Lo spettacolo va in scena con il contributo del Comune di Trieste in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne.