Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Rosso. Io non voglio fallire

Spettacolo dal libro di Serenella Antoniazzi
Pordenone
Auditorium Concordia, via Interna 2
30/11/16
20.45

Il testo dello spettacolo che vede Giulia Bornacin come interprete è tratto dall’omonimo libro di Serenella Antoniazzi, e  racconta  una storia di coraggio che si svolge tra le pieghe dolorose e a volte sconosciute della crisi economica in Italia. Una storia personale che è la storia di tanti. Una storia che vede coinvolta una donna, Serenella, un’imprenditrice locale  del settore del mobile, che per salvaguardare il lavoro e i  dipendenti della sua azienda a conduzione familiare, si ritrova a combattere contro la crisi economica sempre più pressante e che decide di non darsi per vinta ma di cercare invece una soluzione che le possa permettere di non chiudere e di non fallire, mettendo a rischio anche tutto quello che la sua famiglia aveva costruito nel corso degli anni di attività, andando contro l’ingiustizia che l’ha colpita. Serenella infatti non è punibile di cattiva gestione o di speculazione. Semplicemente il suo più importante committente non ha pagato il suo lavoro, dichiarando fallimento e lasciandola nella più cupa disperazione. Ma ci sono famiglie da mantenere e vite da portare avanti. Grazie alla sua determinazione e al suo impegno Serenella riesce a evitare il fallimento, e la sua voce arriva anche alle massime istituzioni dello Stato, e la Commissione al Bilancio approva e istituisce un fondo con il suo nome, il Fondo Serenella, che servirà ad aiutare e a tutelare tutte le piccole aziende italiane in difficoltà perché vittime di mancati pagamenti. Per il suo debutto a Pordenone sarà presente in sala la stessa Serenella Antoniazzi. Lo spettacolo è realizzato con il supporto e la collaborazione della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la Fondazione CRUP, la CISL e la Diocesi di Concordia-Pordenone-Ufficio Pastorale Sociale.