Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Se non sporca il mio pavimento

A Udine il melodramma sugli inganni dell'amore
28830
(ph. Daniele Fona)
Udine
via Sella
Teatro San Giorgio
21/03/19
21

Se non sporca il mio pavimento  - una delle nuove produzioni CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, appena presentata al Teatro Bellini di Napoli e al Teatro Filodrammatici di Milano - si ispira a un recente caso di cronaca nera italiana, il delitto, nel gennaio 2016,  di un’insegnante torinese, Gloria Rosboch, per mano di un suo studente minorenne e di un suo complice e amante. 

Protagonisti sono dunque – trasfigurati dalla cronaca di quei fatti reali – Gioia Montefiori (interpretata dall’attrice Francesca Turrini) un’ insegnante di sostegno di 47 anni,  che vive con l’anziana madre (impersonata, in video, da Beatrice Schiros) nella casa di famiglia; Alessio Benedetti, uno studente di 17 anni, con 12 profili su Facebook, che  sogna una società di servizi ad Antibes (in scena è Michele Degirolamo). Cosimo Comes (nel ruolo, l’attore Gabriele Benedetti), infine,  è un parrucchiere di 54 anni,  ha un salone di bellezza chiamato “Armonya” e un cane di piccola taglia che fa sogni premonitori. Diventano loro, i protagonisti di un mèlo di provincia dalle tinte fosche, una favola noir fatta di rimozioni fatali, bugie sapienti, specchi e umori cangianti; e soprattutto di fantasticherie, latitanze dalla realtà, rese scenicamente attraverso un dispositivo multimediale a cui contribuiscono, per le scene, Diana Ciufo, per il progetto video, Daniele Salaris, per le luci, Danilo Facco, e i costumi di Giovanna Stinga.

 “Il delitto Rosboch  - spiega il regista Giuliano Scarpinato - è una vicenda che mi impressionò, oltre che per l’intreccio, per la forza archetipica dei suoi personaggi. Mi sembrò subito, quando la prima volta ne lessi, che in quella provincia piemontese fatta di supermarket, tubi catodici e fughe nei social, si fosse incarnato bizzarramente, attraverso Gloria Rosboch e il suo giovane seduttore Gabriele Defilippi, il mito di Eco e Narciso. La ninfa dannata da Afrodite ad amare non corrisposta fino alla consunzione delle carni e il giovinetto perduto nella propria immagine riflessa sono scolpiti da Ovidio nelle Metamorfosi, quello che Vittorio Sermonti definisce “il poema dell’adolescenza come esperienza della labilità e vulnerabilità dell’identità, mentre il tuo corpo non fa che cambiare, che cambiare te stesso sotto i tuoi stessi occhi. E tu non sai più chi sei”.

Al termine dello spettacolo, Giuliano Scarpinato e la sua compagnia incontrano il pubblico. Conduce Alberto Bevilacqua.