Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Sebastian Di Bin

Nell'ambito di Armonie in Corte
(ph. ERT FVG)
Udine
via Savorgnana 12
Corte di Palazzo Morpurgo
18/07/17
21
8

Di Bin debutta ufficialmente all’età di 11 anni con l'orchestra Slovenicum di Lubiana. Diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio di Pesaro in seguito ha studiato con Franco Scala e Piero Rattalino all'Accademia Internazionale Pianistica di Imola, dove ha conseguito il Diploma di Alto Perfezionamento, e all'Accademia Internazionale di Recanati con Gianluca Luisi e Lorenzo Di Bella.

La sua attività concertistica lo vede esibirsi in prestigiosi teatri italiani (Teatro La Fenice di Venezia, Teatro Comunale di Bologna, Auditorium Verdi di Milano) e all’estero in Olanda, Francia, Germania, Austria, Spagna, Stati Uniti e Sudafrica. Si è esibito con orchestre del calibro dell’Orchestra AFOS della Fondazione Toscanini, la Johannesburg Philarmonic Orchestra, la Philharmonische Kammerorchester.

È stato invitato da importanti festival tra i quali il Festival di Salisburgo e Maratona di Chopin. Suoi spettacoli sono stati trasmessi dalla televisione italiana (RAI 1, RAI 2, RAI 3, Canale 5,) e all’estero (Stati Uniti, Spagna, Austria, Germania, Sudafrica).

Nutrito è il suo palmares di premi tra i quali spiccano il San José International Piano Competition, il 12th UNISA International Piano Competition, l’International Competition Sergei Rachmaninov. Recentemente ha inciso l’intero ciclo dei “12 studi trascendentali” di Liszt per la casa discografica statunitense Centaur Records.

È Ambasciatore dell’UNICEF per meriti artistici e ha rappresentato l’Italia assieme a Luciano Pavarotti al Gala Mondiale dell’UNICEF “Danny Kay” ad Amsterdam.

Il programma del concerto di domani metterà in luce l’enorme talento del “nostro” pianista sia dal punto di vista tecnico sia espressivo grazie a composizioni quali Dumka Op. 59 di Tchaikovsky, i 12 studi Op. 25 di Chopin, Momenti musicali Op. 16 n. 1, 4 e 6 di Rachmaninov e, per concludere, gli Studi trascendentali n. 9, 8 e 12 di Liszt.