Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Sfueâi

A Udine l'omaggio in musica a poeti del Friuli contemporaneo
(ph. Luca d'Agostino)
Udine
via Savorgnana 12
Corte di Palazzo Morpurgo
08/08/17
21
0432 543049
8

Sfueâi è il progetto di Elsa Martin e Stefano Battaglia, omaggio in musica a poeti del Friuli contemporaneo quali Pier Paolo Pasolini, Novella Cantarutti, Pierluigi Cappello, Amedeo Giacomini, Federico Tavan che, attraverso le loro opere, hanno recuperato e reinventato la lingua friulana. Le musiche Sfueai, sono per lo più composizioni inedite ispirate a poesie quali L’Aunar o Cjampanis di Pasolini, La nina e l’anzal o Canaa su la puarta della Cantarutti, Elementare di Cappello, Prejere di Giacomini. Sfueâi sono “stormi di luci disseminati nell’oscurità del cielo da non si sa quale mano” recita una poesia di Novella Cantarutti. Uno sguardo verso l’alto, lo sguardo di chi si chiede cosa ci sia oltre a quello che si vede. La lingua friulana come recupero e ricerca, non solo come sopravvivenza di ciò che è puro e incontaminato, ma come possibile ponte tra origine e futuro. Lingua di terra e di metafore, di radici e simbolismi, comprende al contempo la purezza rustica del mondo contadino e le diversità della sperimentazione letteraria, le parole del mondo contadino e le diversità della sperimentazione letteraria, le parole arcane discese dai padri, misteriose eppure così chiare, ma anche una sorta di laboratorio linguistico che porta le tradizioni trecentesche in una dimensione del tutto emotiva, oltre, -al di là- del significato stretto della parola stessa.

Elsa Martin, nel 2012 si affaccia al pubblico e alla critica nazionale con l’album di esordio vERsO, finalista alla Targa Tenco e vincitrice di molti riconoscimenti. L’etichetta ECM progetta e registra assieme a Stefano Battaglia un’opera di composizioni in omaggio a Pier Paolo Pasolini, pubblicata in un doppio album dal titolo Re: Pasolini e presentato nelle più importanti sale del mondo.