Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Testimoni della Shoah

Presentazione del libro di Silva Bon

Largo Bradaschia
Casa della Musica
28/01/17
18

Il Giorno della Memoria ricorda “la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e, a rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.”

Il volume presenta interviste raccolte dall’autrice tra i superstiti goriziani e triestini dello sterminio, precedute da un saggio sui meccanismi della rimozione e della deformazione della percezione del passato. L’introduzione dell’autrice costituisce anche una guida alla lettura delle testimonianze. Il testo è stato pensato anche per studenti ed insegnanti e consente la costruzione di percorsi didattici differenziati ed approfondimenti tematici.

Il dovere di ricordare è di tutti, ma sono i giovani i destinatari naturali della memoria. Il problema che ha affrontato l’autrice è quello di “come” rendere partecipi i giovani di una tragedia verso cui ci sentiamo sempre sgomenti, quasi impossibilitati ad accettare con la nostra ragione un peso così grande. La strada scelta da Silva Bon è quella di affidarsi alla voce dei “salvati”, alla loro capacità di trasmettere tutte le tessere delle loro vite, fatte di gioie e sofferenze come quelle di noi tutti, fino all’incontro con il male assoluto. Le loro sono parole dirette, comprensibili e condivisibili, non mediate dall’inevitabile freddezza della ricostruzione dello storico. Le loro vite hanno un nome ed un cognome, ciascuna racconta un percorso individuale, a volte recuperato scavando nel dolore della memoria, a volte rielaborato anche alla luce degli avvenimenti successivi. E’ il confronto tra le diverse interviste che garantisce l’autenticità della valenza collettiva della memoria e che ci riporta, ancora una volta, al nostro dovere di ricordare e riflettere.