Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Torviscosa, città del Novecento

Esce il nuovo volume di Mareno Settimo, Lorena Zuccolo e Dario Ontani
(Disegno di Dario Ontani)
Torviscosa
Villaggio Roma
Ex scuola elementare
22/03/19
18

Per la prima volta, la città di fondazione è inclusa nelle Giornate di Primavera del FAI che si tengono il 23 e 24 marzo (orari: 10-13, 15-18). La proposta al FAI è partita dalla Pro Torviscosa, la neo-costituita pro loco che, nonostante i pochi mesi di vita, ha già realizzato diverse iniziative. Nei prossimi giorni, oltre alle Giornate FAI un altro importante appuntamento aspetta il paese: venerdì 22, alle ore 18, nelle ex scuole elementari del Villaggio Roma verrà presentato il libro Torviscosa, città del Novecento, edito appunto dalla Pro Torviscosa.

È un racconto ricco di informazioni sulla storia di Torviscosa e del suo territorio, in cui sono sintetizzati i risultati di una ricerca storica ventennale. Il libro è frutto di una collaborazione tra tre amici: Mareno Settimo, Lorena Zuccolo e Dario Ontani, che si sono occupati rispettivamente della ricerca storica, della redazione dei testi e degli aspetti grafici. Il sodalizio in realtà non è nuovo: sono infatti le stesse persone che negli anni scorsi hanno curato l'allestimento del CID e prodotto i contenuti testuali e i disegni di tutti i pannelli descrittivi collocati all'interno del museo e sul territorio. Questa volta, i benefici del loro lavoro volontario andranno alla pro loco: il ricavato delle vendite del libro servirà infatti a finanziare le attività, in particolare quelle culturali, dell'associazione.

Vent'anni di ricerche

Alla presentazione di venerdì parlerà soprattutto Mareno Settimo. La lunga ricerca documentaria, che lo ha impegnato per oltre vent'anni, lo ha portato a visitare gli archivi più svariati, da quelli parrocchiali di Torviscosa a quelli nazionali di Londra, Roma, Lubiana e Washington, per citarne solo alcuni. Ma che cosa c'entra Torviscosa con tutti questi archivi? L'origine del paese è nota a tutti: è la SNIA Viscosa di Franco Marinotti che dà vita, nel 1938, allo stabilimento industriale di Torre di Zuino e negli anni successivi al paese di Torviscosa. A quell'epoca il territorio è ancora in via di bonificazione e  il carteggio tra il Consorzio di Bonifica, la SNIA e il governo è copioso ed è oggi per gran parte conservato all'Archivio di Stato di Roma. Negli anni Trenta - Sessanta, la SNIA è un colosso con importanti relazioni industriali e finanziarie nel mondo e in particolare con il Regno Unito, dove ha sede la Courtaulds che per un certo periodo possiede la maggioranza delle azioni societarie SNIA. I suoi archivi sono oggi di proprietà della Akzo Nobel, azienda con sedi a Londra e Amsterdam. Marinotti, abile capitano d'impresa, da parte sua deve tenere ottimi rapporti con i governi, in particolare quello guidato da Benito Mussolini. Ecco che, per molti anni, il “fascista” Marinotti e la SNIA saranno sotto la lente di osservazione degli americani e i relativi documenti si trovano oggi al NARA di Washington. Da non dimenticare, infine, la riscoperta delle lettere tra Marinotti e Filippo Tommaso Marinetti e di quelle tra il poeta e la moglie relative alla stesura del Poema di Torre Viscosa, che sono conservate negli Stati Uniti alla Beinecke Library.

Torviscosa, città del Novecento
ricerca storica: Mareno Settimo e Lorena Zuccolo
testi: Lorena Zuccolo
disegni e grafica: Dario Ontani