Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Zagabria, la città delle artiste

A Trieste una mostra inedita dedicata alla capitale croata e ai suoi intrecci di arte e cultura
Trieste

Museo Revoltella
24/10/21
9-19

Altre date

27/11/21 - Trieste
28/11/21 - Trieste
29/11/21 - Trieste
01/12/21 - Trieste
02/12/21 - Trieste
03/12/21 - Trieste
04/12/21 - Trieste
05/12/21 - Trieste
06/12/21 - Trieste
08/12/21 - Trieste
09/12/21 - Trieste
10/12/21 - Trieste
11/12/21 - Trieste
12/12/21 - Trieste

Zagabria, la città delle artiste è la prima mostra dall’indipendenza della Repubblica di Croazia che riunisce le opere delle artiste croate che sono collegate in vari modi con Zagabria nel corso di un considerevole lasso di tempo che va dal 1899 al 2019. La città di Zagabria è sempre stata un luogo dove la cultura e l’arte s’intrecciano, ma spesso si dimenticano le numerose artiste che hanno lasciato il proprio tributo sull’odierna vita culturale e artistica della capitale. Al fine di onorare le artiste croate, ricordando quelle che si potrebbero definire pioniere delle arti e che rimasero per lo più solo nella memoria statistica e riunendole assieme alle creatrici contemporanee, il Padiglione d’Arte di Zagabria ha deciso di dedicare la prima mostra nel 2020 proprio a loro. Naturalmente, queste personalità sono importanti non solo per la scena artistica zagabrese, ma anche per quella croata. Alcune di loro sono nate in città, vi hanno passato la vita, hanno creato le loro opere e qui le hanno esposte, mentre altre sono nate altrove, ma sono venute a vivere e creare a Zagabria. Ci sono anche quelle che vi sono giunte per studiare all’Accademia di Belle Arti e vi sono rimaste a vivere, lavorare ed esporre, ma ci sono anche artiste che sono nate qui, si sono diplomate all’Accademia di Belle Arti, hanno lavorato per un periodo a Zagabria ma il loro percorso d’arte e di vita le ha portate in seguito in altre città e altri paesi. La mostra comprende 54 artiste donne e le loro opere sono state scelte da tre eminenti storiche dell’arte nonché curatrici della mostra: Ljerka Dulibić, Ivana Mance e Iva Radmila Janković.

L’idea di base della mostra è quella di offrire una sezione storica e critica delle opere delle artiste visive che hanno lavorato e lasciato il segno sulla vita culturale della città di Zagabria nel periodo preso in considerazione. In questo arco di tempo relativamente ampio, le generazioni di artiste donne sono presentate in tre grandi sezioni della mostra: la prima comprende le generazioni attive fino a seconda guerra mondiale; la seconda - le generazioni che hanno iniziato la loro attività espositiva dopo la seconda guerra mondiale e hanno realizzato la maggior parte delle loro opere nei decenni successivi; e la terza - le generazioni che sono entrate in scena nei primi anni Settanta o in seguito e sono attive a tutt’oggi.

La mostra comprende 80 opere di i tutti generi dell’espressione artistica: dalla pittura alla scultura classica fino ai media dell’espressione artistica contemporanea, comprese le video performance, le istallazioni audio e video. I nomi sono quindi molto numerosi, a partire da Anka Bestall, Slava Raškaj, Lina Crnčić Virant, Nasta Rojc, Mila Wod, Sonja Kovačić-Tajčević, Anka Krizmanić, Vera Nikolić Podrinska, Zdenka Ostović Pexidr Srića, Nevenka Đorđević, Ivana Tomljenović Meller, Ksenija Kantoci, Marta Ehrlich, Mila Kumbatović, Melita Bošnjak, Miranda Morić, Milena Lah, Vera Josipović, Vesna Sokolić, Borka Avramova, Vera Fischer, Vera Dajht Kralj, Tonka Petrić, Biserka Baretić, Marija Ujević, Ljerka Šibenik, Goranka Vrus Murtić, Nives Kavurić Kurtović, Zdenka Pozaić, Edita Schubert, Marijana Muljević, Sanja Iveković, Jadranka Fatur, Nevenka Arbanas, Vesna Popržan, Breda Beban, Nina Ivančić, Zvjezdana Fio, Dubravka Rakoci, Vlasta Delimar, Vesna Pokas, Kata Mijatović, Amela Frankl, Ksenija Turčić, Mirjana Vodopija, Vlasta Žanić, Kristina Leko, Božena Končić Badurina, Magdalena Pederin, Nika Radić, Ivana Franke, Martina Mezak, Ana Hušman fino a Andreja Kulunčić con il collettivo ISTE.