Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sabato l'inaugurazione della mostra "Riordino fondiario"

Cultura e Spettacolo
26 febbraio 2014

Le pitture di Evaristo Cian a Gorizia

a cura della redazione
Presso la Biblioteca statale isontina, personale dell'artista di Ruda.
CONDIVIDI
4240
"Ritratto" di Evaristo Cian
Cultura e Spettacolo
26 febbraio 2014 della redazione

“Riordino fondiario” è il titolo dalla mostra del pittore Evaristo Cian che si apre sabato alle 11.30 nella galleria d’arte “Mario Di Iorio” della Biblioteca statale isontina.

La personale propone opere inedite e quadri degli anni 2011-2013 che l’artista commenterà, introdotto dal direttore della Bsi Marco Menato e conversando con la giornalista Margherita Reguitti, responsabile della comunicazione della Bsi.

Il regista goriziano  Francesco Macedonio così definisce l’amico e l’artista di Ruda : “Meraviglioso e contraddittorio personaggio, un po’ irritante come irritante può essere a volte la sua pittura. Con lui si discuteva animatamente, litigavamo talvolta, senza mai offenderci perché per fortuna Evaristo è abbastanza ironico e distaccato, nonostante sia un provocatore naturale. Ciò che mi piace della sua pittura è l’aderenza alla realtà, l’ attaccamento ai propri famigliari.  La mostra che si aprirà a Gorizia è da vedere, una mostra da gustare nella sua cruda realtà, nella sua coerenza di temi trattati, di realtà svelate di soggetti dipinti con amore e distacco”.

La personale è l’occasione per fare il punto sull’evoluzione creativa di Cian. Seppur nella conferma della scelta dei soggetti prediletti, corvi, paesaggi della Bassa friulana, gelsi, animali di casa e del bosco, interni di studio con modella, e le recenti serre, vi sono delle novità sostanziali nello stile pittorico di Cian. Su sfondi di uniforme compattezza cromatica si intravedono colature di colore a suggerire il venir meno del predominare del rigore esecutivo. I soggetti spiccano su sfondi uniformi in una ricerca di asciuttezza di segni che danno rilievo al paesaggio, alla natura e alla narrazione di temi legati alla memoria personale dell’artista.

La mostra resterà aperta con ingresso gratuito fino al 15 marzo da lunedì a venerdì dalle 10.30 alle 18.30, il sabato fino alle 13.30.

Commenti (0)
Comment