Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Resi noti i vincitori dei Limina Awards

Cultura e Spettacolo
31 marzo 2014

Udine FilmForum, in attesa del via premiato il cinema popolare italiano

a cura della redazione
Riconoscimenti anche per Michael Witt e Laura Mulvey. Mercoledì inizia il Festival.
CONDIVIDI
4808
Riconoscimento per lo studio di Witt su Godard
Cultura e Spettacolo
31 marzo 2014 della redazione

FilmForum Festival celebra i grandi protagonisti del cinema con l’edizione 2014 dei Limina Awards, il più autorevole riconoscimento sulla scrittura cinematografica in Italia. E anche quest’anno dalla consultazione della Cuc, la Consulta Universitaria del Cinema presieduta da Gianni Canova, sono stati designati il miglior libro italiano di studi sul cinema uscito nel corso del 2013, la migliore traduzione italiana di un importante contributo agli studi cinematografici e il miglior libro internazionale di studi sul cinema.

Giacomo Manzoli è stato premiato per il suo Da Ercole a Fantozzi. Cinema popolare e società italiana dal boom economico alla neotelevisione (1958-1976), edito da Carocci: un saggio che spiega come il cinema popolare dei forzuti e delle Ubalde, di Sandokan e di Lando Buzzanca, dei Terence Hill e dei Pierini, delle maschere ormai universali come quella di Fantozzi (con la sua celebre sentenza sulla Corazzata Potemkin) abbia saputo riflettere con una lente a tratti deformante e altre volte di una trasparenza mirabile i mutamenti sociali avvenuti nell’Italia della “seconda modernizzazione”. Con molto meno "talento" e consapevolezza rispetto ai grandi autori, ma spesso con altrettanta intelligenza e precisione, figure come quelle incarnate nei vari Lando Buzzanca o Pippo Franco, Django o Terence Hill e Bud Spencer, Ercole, Sandokan o Fantozzi hanno saputo fornire specchi fedeli e deformanti sui quali modellare i nuovi stili di vita che il benessere aveva reso finalmente disponibili.

Nella sezione Limina Awards internazionale la Cuc ha premiato Michael Witt con Jean-Luc Godard, Cinema Historian, Indiana UP: ovvero, la dimostrazione di come, riflettendo sul ‘paesaggio’ cinematografico di Godard e sul suo approccio storico e ‘filosofico’ alla cine-narrazione, si possa a buon titolo ricostruire una storia dell’evoluzione del cinema contemporaneo.

Infine, nella sezione riservata alla miglior traduzione, ha vinto il saggio di Laura Mulvey Cinema e piacere visivo, Bulzoni, 2013 a cura di Veronica Pravadelli.

Altrettanto attesa, quest’anno, la proclamazione dei vincitori delIa nuova sezione Limina Awards Film Tv: il noto magazine cinematografico è da quest’anno infatti media partner dei Premi Limina di FilmForum Festival con una speciale designazione curata dalla redazione, che ha scelto di premiare Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo di Donatello Fumarola e Alberto Momo (DeriveApprodi). Più che un libro, un atlante di quanto avviene nell’ambito della produzione cinematografica «d’autore» sul piano mondiale. Dal Giappone agli Stati Uniti, passando per la Cina, il Sud-Est asiatico, l’India, la Russia, l’Europa, l’Africa e il Sud America, un viaggio nelle storie e nelle pratiche del cinema all’alba del XXI secolo, raccontato attraverso 50 conversazioni che passano in rassegna i grandi maestri del Novecento e figure eccentriche come David Lynch, Abel Ferrara, Monte Hellman. I percorsi unici di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Werner Herzog, Takeshi Kitano, Quentin Tarantino o Aki Kaurismaki. L’incedere saggiamente spericolato di Manoel de Oliveira e l’avanzata delle nuove generazioni che dal vecchio «Terzo mondo» determinano le tendenze del cinema futuro.

I premi, sostenuti quest’anno dall'Enoteca Borgo San Daniele (Cormons Gorizia), saranno consegnati al Cinema Visionario di Udine giovedì 3 aprile, nella cerimonia che prenderà inizio alle 18 nella Sala Minerva. Nel corso dell’incontro saranno presentate le pubblicazioni della collana Cinethesis, Forum e le nuove pubblicazioni delle collane Mimesis Cinema, Mimesis Cinergie, Mimesis Media/Sex oltre ai due nuovi numeri delle riviste accademiche: G|A|M|E e “Cinergie, il cinema e le altre arti”

FilmForum Festival, alla sua 21^ edizione, si aprirà mercoledì 2 aprile, alle 9.30 nella Sala Convegni di palazzo Antonini a Udine, e sarà scandito da discussioni, tavole rotonde, proiezioni di film, laboratori pratici e performance da artisti sperimentali nelle citta' di Udine e Gorizia. Il convegno internazionale su L’archeologia del cinema sarà di scena negli spazi dell’Ateneo udinese fino al 4 aprile 2014, mentre a inaugurare le proiezioni di FilmForum Festival 2014, mercoledì 2 aprile (Cinema Visionario di Udine, ore 21) sarà la prima nazionale di Nymphomaniac Parte 1, il film che riporta Lars Von Trier nei nostri cinema 2 anni e mezzo dopo Melancholia. Info: www.filmforumfestival.it

Commenti (0)
Comment