Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Ritorna "Biomovies"

Cultura e Spettacolo
31 marzo 2014

Udine, rassegna cinematografica sulla biodiversità

di Gianmatteo Pellizzari
Si inizia domani al Visionario con "La Palude". Ingresso gratuito.
CONDIVIDI
4812
Un frame del documentario "La Palude"
Cultura e Spettacolo
31 marzo 2014 di Gianmatteo Pellizzari

Il Museo Friulano di Storia Naturale, in collaborazione con il Centro Espressioni Cinematografiche e il Comune di Udine, rinnova anche quest'anno l'appuntamento con Biomovies, il ciclo di proiezioni gratuite a carattere naturalistico che invitano il pubblico a riflettere sul ruolo dell'essere umano nel delicato equilibrio degli ecosistemi naturali. La rassegna del 2014 ha per oggetto la biodiversità, tema  a cui il Museo Friulano di Storia Naturale ha dedicato la mostra "Biodiversitas", visitabile fino al 27 aprile presso la ex Chiesa di San Francesco.

Il primo appuntamento è fissato per domani alle 20.30 al Visionario con la proiezione di La Palude di Jan Haft (Germania 2012, 50’). Il documentario sarà introdotto e commentato da Massimo Buccheri e Paolo Glerean del Museo Friulano di Storia Naturale. In Europa centrale, brughiere e paludi sono delle oasi di biodiversità nel paesaggio monotono creato dall’agricoltura. In questi ambienti vivono numerose specie rare o endemiche di grande importanza naturalistica. Molte di esse si conservano ormai soltanto in queste zone umide, che rappresentano quindi l’ultimo baluardo per la loro sopravvivenza. Il documentario permetterà al pubblico di conoscere meglio questi habitat, svelandone i segreti ed evidenziando la loro importanza e la necessità che vengano tutelati.

Il secondo appuntamento con Biomovies è fissato per martedì 8 aprile alle 20.30 con la proiezione di La natura in palmo di mano di Diego Cenetiempo (Italia 2013, 22’) in collaborazione con il Laboratorio di Educazione Ambientale ARPA FVG e Il migliore dei mondi possibili di Marco Andreini e Paolo Fioratti (Italia 2012, 55’).

Commenti (0)
Comment