Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentato alla Casa della Musica di Trieste

Cultura e Spettacolo
05 aprile 2014

"Aspettando E.T.", il nuovo disco di Andrea Zullian

di Clara Giangaspero e Marina Tuni
Album nato dall'incontro in Serbia con il vibrafonista californiano Eldad Tarmu.
CONDIVIDI
4886
Andrea Zullian (ph. Massimo Goina)
Cultura e Spettacolo
05 aprile 2014 di Clara Giangaspero e Marina Tuni

Presentato il nuovo lavoro discografico “Aspettando E.T.” del contrabbassista Andrea Zullian, da lui stesso interamente composto e arrangiato.

Alla presentazione presso la Casa della Musica di Trieste, insieme a Zullian, anche Claudio Zanoner e Fulvio Vardabasso, compagni di viaggio del contrabbassista da lunga data, e Massimo Goina che ha curato il layout grafico dell’uscita discografica, oltre che il nuovo sito web dell’artista.
L’idea dell’album, “Aspettando E.T.”, nasce da un fortunato incontro, avvenuto in terra serba, durante un Festival Jazz, tra Andrea e il vibrafonista californiano Eldad Tarmu, artista di spicco della scena jazzistica internazionale. Dopo aver suonato in una jam session, i due musicisti scoprono di avere una forte affinità musicale e di voler percorrere un tratto di strada insieme, dando forma all’idea di un quartetto. 
Ed ecco che il progetto prende vita: a Zullian e Tarmu, si aggiungono il flautista Damjan Krajacic e il batterista Enos Kugler, una fusione naturale, basata sui rapporti umani e su un indirizzo musicale comune.

Comporre fa parte della sfera istintuale di Andrea Zullian; è un contrabbassista ma usa il pianoforte per elaborare gli spunti musicali, a volte bastano semplicemente un paio di note. E questa spontaneità compositiva emerge tra i solchi di “Aspettando E.T.”, un progetto basato sulla sua visione musicale, alla ricerca di un suono armonicamente attraente, dinamico ma delicato, dove i musicisti possano esprimere al meglio le proprie timbriche che, all’ascolto, sembrano virare sempre sui colori della leggerezza. 

Il basso di Andrea , sofisticato e pulito, costituisce una solida ma affascinante sezione ritmica con la batteria del versatile Enos Kugler, che accompagna gli intrecci sonori del flauto e del vibrafono, creando una musicalità spontanea, coinvolgente e perfettamente equilibrata.
Tarmu e Krajacic sono molto affiatati, avendo suonato assieme per dodici anni in vari tour ed inciso parecchi lavori.

I quattro musicisti di “Aspettando E.T” sono, insieme, una vera e propria potenza creativa.
Il cd è stato registrato allo Jork Studio di Dekani, nella vicina Slovenia ed è prodotto dall’etichetta americana Queen Of Bohemia Productions.

Informazioni: www.andreazullian.com

Commenti (0)
Comment