Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

A fine settembre nel capoluogo della Bassa

Cultura e Spettacolo
07 maggio 2014

Cinema, ritorna il Cervignano Film Festival

di Riccardo Rigonat
I registi Alberto Fasulo e Lorenzo Bianchini nella giuria presieduta da Beatrice Fiorentino. Coinvolte le scuole di tutta Italia.
CONDIVIDI
5299
I giurati del CFF: da destra in senso antiorario Beatrice Fiorentino, Alberto Fasulo e Lorenzo Bianchini
Cultura e Spettacolo
07 maggio 2014 di Riccardo Rigonat

Il bis era già stato annunciato durante le premiazioni dell’edizione 2013, ma da oggi è certezza. Dopo il clamoroso successo dello scorso anno con l’affermazione de “I morti di Alos” del sardo Daniele Atzeni, la macchina organizzativa del Cervignano Film Festival si è già rimessa in modo per riportare a Cervignano del Friuli registi e film-maker, impegnati in un concorso di cortometraggi, documentari & videoclip che al suo esordio, 12 mesi fa, aveva fatto registrare numeri da capogiro: oltre 200 opere iscritte provenienti da tutto il mondo.

Il Centro Giovanile di Cultura e Ricreazione Ricreatorio San Michele, organizzatore dell’evento in collaborazione con il Comune di Cervignano, ha riaffidato senza indugi la direzione artistica della kermesse al regista Piero Tomaselli, cervignanese trapiantato ormai da anni a Roma.

Anche per l’edizione 2014 la giuria del CFF sarà composta dal gotha del cinema friulano. Presieduta dalla giornalista e critica cinematografica Beatrice Fiorentino, che viene affiancata da due registi d’eccezione: Lorenzo Bianchini, considerato artista di culto del cinema horror ("Oltre il Guado", "Occhi") , e Alberto Fasulo, che dopo l’intenso esordio con “Rumore bianco” nel 2008, con la sua ultima opera “TIR” ha conquistato nel 2013 il Festival del Cinema di Roma e la ribalta internazionale. E proprio i due film di Fasulo saranno il trait d’union del CFF 2014, entrambi proiettati fuori concorso: uno nella serata inaugurale (“TIR”) e l’altro nella giornata conclusiva della kermesse (“Rumore bianco”).

Tutti i partecipanti avranno tempo fino al 7 luglio per inviare le proprie opere, dalla durata compresa tra i 3 e i 30 minuti, in supporto DVD video (da spedire a Cervignano Film Festival - Centro Giovanile di Cultura e Ricreazione Ricreatorio San Michele, via Mercato 1, 33052 Cervignano del Friuli). Tre le sezioni previste: il concorso principale riservato a Documentari & Cortometraggi provenienti da tutto il mondo, la novità del concorso internazionale dedicato ai Videoclip con il Premio intitolato a Michel Gondry (sezione che sarà coordinata dal musicista, D.j. e promoter friulano Michele Poletto) e, infine, una sezione speciale riservata ai Cortometraggi per le Scuole, rivolta agli studenti e ai docenti degli Istituti superiori di secondo grado di tutta Italia, che sarà supervisionata dalla professoressa Loredana Marano.

La lista definitiva delle opere finaliste sarà resa nota a fine agosto 2014.

Per tutte le sezioni, si potrà proporre un’opera a tema libero oppure incentrata sul tema della manifestazione: quello del cinema del confine e del limite. «La nostra regione – spiega il direttore artistico del festival, Piero Tomaselli – è, per definizione, terra di confine e crocevia di popoli e di culture. In particolare Cervignano fino al 1915 era l’ultimo avamposto dell’impero asburgico. Queste elementari constatazioni ci hanno suggerito di approfondire i temi del limite e del confine attraverso il filtro di un festival cinematografico che provi a raccogliere i migliori cortometraggi e documentari di film-maker provenienti da tutto il mondo».

In programma nell’ultima settimana di settembre, durante il Cervignano Film Festival saranno organizzate conferenze a tema, matinée riservate alle scuole, workshop, proiezioni fuori concorso, eventi speciali, oltre alla visione di tutte le opere finaliste selezionate. Film che concorreranno alla vittoria del prestigioso Cervo d’Oro, il premio più ambito del cinema friulano.

Dalle indiscrezioni che filtrano dall’entourage del Festival, uno degli eventi speciali della seconda edizione del CFF sarebbe incentrato su Pier Paolo Pasolini, legato al Friuli e a Cervignano per noti motivi biografici.

Per visionare il bando del concorso ed essere sempre aggiornati sull’evoluzione del Festival è possibile consultare il sito web ufficiale (www.cervignanofilmfestival.it), disponibile anche in inglese e spagnolo.

Commenti (0)
Comment