Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il fascino di Abe Hiroshi

Cultura e Spettacolo
16 giugno 2014

Cinema, l'ultimo gladiatore? Arriva dal Giappone

di Gianmatteo Pellizzari
Il protagonista di "Thermae Romae" prodotto dalla friulana Tucker nuovo idolo del pubblico femminile.
CONDIVIDI
6044
Abe Hiroshi
Cultura e Spettacolo
16 giugno 2014 di Gianmatteo Pellizzari

La storia del cinema non è mai stata avara di gladiatori, si sa, e anche la televisione ha fatto la sua parte (pensiamo al trucido Spartacus con Andy Whitfield). Un’iconografia solida, solidissima. Tanto immutabile quanto infrangibile. E poco importa se, a distanza di cinquant’anni, il Kirk Douglas di Kubrick può sembrarci meno carismatico del Russell Crowe di Scott. Il punto è decisamente un altro: siamo davvero sicuri che l’iconografia dei gladiatori continuerà a rimanere uguale a se stessa nei secoli dei secoli?

Prima di scommetterci sopra, è bene fare i conti con un certo Lucius Modestus: non più il personaggio cartaceo, reso celebre dal manga di Yamazaki Mari (Edizioni Star Comics), bensì il personaggio in carne, toga e ossa cui presta muscoli e fascino, sul grande schermo, l’atletico Abe Hiroshi. Ecco. Prima di scommetterci sopra, e anche prima di storcere frettolosamente il naso, è bene attendere Thermae Romae, l’irresistibile peplum fantasty nippo-latino di Takeuchi Hideki in uscita nelle sale italiane il prossimo 26 giugno (grazie alla Tucker Film).

Il nuovo gladiatore, dunque, sarebbe giapponese? Il condizionale non serve: basta una manciata d’inquadrature per capire che le cose stanno così. Bastano il suo fisico scolpito e la sua espressione tenebrosa per dare una bella scossa all’immagine codificata dell’antico romano! I primi ad accorgersene e ad ammetterne l’evidenza, del resto, sono stati proprio loro, i romani: i romani moderni, ovviamente, cioè le comparse e le maestranze di Cinecittà che hanno lavorato spalla a spalla con Abe Hiroshi. «Sembra vero!» è la frase-chiave, quasi un tormentone, ripetuta ogni giorno sul set. Una frase che lo stesso Hiroshi ricorda con affetto e – perché no? – con divertito compiacimento.

 Classe 1964, originario di Kanagawa, il super divo nipponico si è avvicinato a Lucius Modestus mettendo rapidamente da parte lo stupore iniziale per il corto circuito Oriente/Occidente: «Mi sono subito iscritto a uno sport club, ho fatto sfogliare il manga al mio trainer e gli ho detto: hai un mese di tempo per darmi un corpo esattamente come quello di Lucius!». Un corpo che, per larga parte del film, viene mostrato nudo o immerso in acqua, per la gioia di tutte le spettatrici e pure di tanti spettatori.

 Thermae Romae è uno dei titoli cult del Far East Film Festival di Udine (suo primo domicilio occidentale) ed è stato una micidiale macchina “polverizza-botteghini” in patria. Lucius Modestus, invece, è un aitante architetto dell’Antica Roma (un gladiatore senza spada, potremmo dire) che si ritrova catapultato nel Giappone contemporaneo. Il film, girato a Cinecittà e nei dintorni della Capitale, pullula di comparse italiane e, qui e là, fa ricorso all’uso del Latino e ad arie d’opera (Takeuchi Hideki ama cantare Puccini e Verdi al karaoke). La sceneggiatura accumula gag su gag, sfruttando con invidiabile creatività l’artificio del viaggio nel tempo, e i miracoli digitali fanno il resto, assieme ai vari set romani e all’accuratezza dell’intera operazione.

Commenti (0)
Comment