Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'offerta di Bad Kleinkirchheim

Turismo
07 ottobre 2014

Un inverno tra neve e tepore

di Anna Pugliese
Dalle piste da sci della Coppa del Mondo ai centri termali più innovativi dell'arco alpino. Senza scordare feste tradizionali e cibi irresistibili.
CONDIVIDI
7282
Relax nell'acqua termale tra la neve
Turismo
07 ottobre 2014 di Anna Pugliese

Cento chilometri di piste o 13.200 metri quadrati di benessere? È questa la scelta da fare a Bad Kleinkirchheim. Ma, per tutta la stagione invernale, un’offerta non esclude l’altra: con uno skipass valido almeno 2 giorni si può infatti accedere gratuitamente, negli orari di apertura delle piste, al centro termale Römerbad - uno dei più innovativi dell’arco alpino, con tre livelli di vasche, bagni, saune - o alle terme St. Katherein, passando dall’entusiasmante piscina termale con vortici e correnti, alla rilassante vasca salina. Così se il tempo è brutto o  se  dopo aver sciato si è stanchi, basta togliere sci e piumino e indossare il costume. Senza problemi di trasferimenti, perché le terme Römerbad sono proprio ai piedi del Kaiserburg e della pista di Coppa del Mondo Strohsack. E alla stazione di partenza dell’impianto si possono lasciare sci e scarponi. Ottimizzando i tempi di trasferta dalle piste e alle calde acque termali.

Bad Kleinkirchheim è famosa tra gli sciatori per le sue piste morbide, ampie, disegnate sui Monti Nockberge,  dolci “panettoni” dove trovare 25 impianti di risalita che servono 18 chilometri di piste facili, 77 medi e 8 difficili, 3 discese per lo slittino, 800 cannoni per l’innevamento artificiale, 60 chilometri di sentieri sempre puliti per chi ama camminare, 53 chilometri di itinerari per lo sci di fondo e un impianto per il boardercross. E poi ben 23 baite, dove gustare i sapori tipici di quest’angolino d’Austria che confina con Italia e Slovenia. Ci sono piatti unici, che si possono scovare solo tra i ristoranti in paese, alcuni segnalati dalle migliori guide gastronomiche, e le baite in quota. Ci sono la gelbe Supp’n (una zuppa profumata di zafferano, con tre tipi di carne), i Kärntner Kasnudeln (grossi agnolotti ripieni di patate, erbe di campo e ricotta)  o gli Schupfnudeln (gnocchetti dalla forma allungata serviti con semi di papavero).

Per chi vuole unire i sapori, golosi, della cucina carinziana al piacere di vivere la montagna all’aria aperta, ci sono sei appuntamenti imperdibili, sei passeggiate con le racchette da neve sull’altipiano del Feldpannalm: dopo l’escursione guidata è prevista una degustazione speciale, con lo chef Marco Krainer, una star della tv austriaca, che proporrà paté di formaggi e di trota, zuppa gialla e spezzatino di selvaggina. Poi il ritorno a valle sarà  a tutta velocità, con lo slittino. 

Ma non ci sono solo eventi gastronomici. La stagione dello sci inizia il 5 dicembre, con lo Ski Opening e con l’Avvento. Sono in programma appuntamenti legati al folclore, come la sfilata dei Krampus, e test gratuiti degli sci più nuovi, feste in baita, mercatini e concerti dedicati alla musica sacra. Il 10 e l’11 gennaio, poi, saranno in pista le campionesse della Coppa del Mondo, per una discesa libera e un supergigante imperdibili.

Commenti (0)
Comment