Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Due protocolli d'intesa

Attualità
15 gennaio 2015

Trieste, Ater e Comune insieme contro l'emergenza casa

a cura della redazione
A febbraio saranno presentati in Regione progetti di auto-recupero del patrimonio residenziale pubblico.
CONDIVIDI
8410
Gli assessori Famulari e Marchigiani
Attualità
15 gennaio 2015 della redazione

In Comune a Trieste fervono i lavori per la presentazione alla Regione della domanda di finanziamento relativa ai progetti di auto-recupero del patrimonio residenziale pubblico.

In questo contesto gli assessori Laura Famulari (Politiche sociali) ed Elena Marchigiani (Politiche della casa) hanno tenuto un incontro con l’amministratore unico dell’Ater Raffaele Leo e con il direttore Antonio Ius,  finalizzato a perfezionare gli aspetti procedurali relativi all’avvio dei due progetti pilota. A febbraio verranno infatti siglati i due protocolli di intesa, volti a ratificare e specificare il rapporto di collaborazione tra Comune e Ater nella gestione delle due iniziative.

Si tratta di progetti che, come ricorda Marchigiani, “delineano due vie possibili per rispondere ad alcune delle istanze oggi drammaticamente al centro della questione casa: da un lato, la necessità di re-immettere velocemente sul mercato un patrimonio di alloggi pubblici, che rischia di rimanere sfitto per le sempre più scarse risorse a disposizione di Ater e Comune; dall’altro, la volontà di mantenere alla proprietà pubblica tale patrimonio, coinvolgendo nelle operazioni di manutenzione i futuri beneficiari”.

I due progetti si differenziano per alcuni aspetti.

Quello di auto-recupero rientra nel filone sancito dall’ultima Finanziaria regionale, attraverso lo stanziamento di 450.000 euro per l’anno 2015. Il Comune di Trieste presenterà entro i termini (fine febbraio) il progetto elaborato con Ater per l’auto-recupero di un immobile di sua proprietà comprendente dieci alloggi. Il meccanismo di attuazione prevede la costituzione – tra i futuri  beneficiari – di una cooperativa edilizia di abitazione che riceverà dal Comune l’immobile in diritto di superficie trentennale e che verrà accompagnata, nel processo di auto-recupero, da un gestore sociale preposto a prestare assistenza per quanto riguarda sia la formazione all’attività edilizia, sia gli aspetti tecnici relativi alle procedure progettuali.

Grazie al contributo regionale (pari al 35% del costo complessivo dell’operazione), le spese a carico della cooperativa edilizia vengono stimate in una quota mensile di circa 170 euro. La selezione dei membri della cooperativa verrà fatta sulla base di limiti di reddito che andranno dal limite massimo ISE/ISEE per rientrare nella fascia A di edilizia sovvenzionata a quello previsto per l’edilizia convenzionata/agevolata.

Si farà invece riferimento alle graduatorie relative all’edilizia sovvenzionata e agli alloggi per sfrattati nel caso del secondo progetto di imminente avvio per l’auto-manutenzione di un primo gruppo di 31 alloggi (19 di proprietà dell’Ater e 12 di proprietà del Comune), cui seguirà entro l’anno in corso l’individuazione di ulteriori appartamenti fino a un minimo di 50. Obiettivo di questo secondo progetto – per il quale il Comune ha a bilancio 130.000 euro e Ater metterà a disposizione parte del proprio budget – è incrementare gli interventi sul patrimonio residenziale pubblico, riducendo le operazioni di manutenzione a carico di Ater e Comune alla messa in sicurezza di impianti e dotazioni interne, laddove ai futuri inquilini verranno demandate azioni di piccola manutenzione volte a migliorare la qualità degli alloggi. Ciò consentirà, a parità di soldi pubblici disponibili, di rimettere in locazione un maggior numero di alloggi.

Commenti (0)
Comment