Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al via l'anteprima di "vicino/lontano"

Cultura e Spettacolo
05 febbraio 2015

Come trovare le parole per dirlo?

a cura della redazione
Dal matrimonio gay alle rottamazioni generazionali: a Udine quattro incontri per spiegare come cambiano le forme dei rapporti sociali.
CONDIVIDI
8720
Beatrice Bonato
Cultura e Spettacolo
05 febbraio 2015 della redazione

Che cos’è un matrimonio? Quali confini dividono i giovani dagli anziani? Che significa oggi affidare un mandato politico? Possiamo ancora avere fiducia nel mercato? Al di là dei luoghi comuni, domande come queste rischiano di restare inevase, o ricevono risposte insufficienti e schematiche. Sono la spia della nostra incertezza davanti alle profonde trasformazioni culturali, politiche, antropologiche in corso, e dunque richiedono un supplemento di indagine.

È questo lo spirito del ciclo “Le parole per dirlo. Come cambiano le forme dei legami sociali”, la nuova iniziativa che vicino/lontano e la Sezione Fvg della Società Filosofica Italiana, con il patrocinio del Comune di Udine, propongono alla città in attesa e come  anticipazione del festival vicino/lontano di maggio, che articolerà il programma  della sua XI edizione intorno al tema “Totem e tabù” e si svolgerà a Udine da giovedì 7 a domenica 10 maggio, ospitando come sempre il Premio Letterario internazionale Tiziano Terzani e la serata dedicata al vincitore, in calendario sabato 9 al Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Il progetto “Le parole per dirlo” si sviluppa in quattro incontri – l’ultimo dei quali avrà luogo proprio durante il festival – ed è a cura di Beatrice Bonato, membro del comitato scientifico di vicino/lontano e del direttivo della Sezione Fvg della SFI. In una società che si evolve sempre più rapidamente, posti davanti al mutamento siamo tentati di rispondervi passando da nuovi a vecchi pregiudizi, solo perché non riusciamo ancora a trovare le forme per pensare il nuovo e le “parole per dirlo”.

È questo il filo conduttore degli incontri, che avranno inizio mercoledì 11 febbraio alle 18, alla Casa della Contadinanza in Castello a Udine con un focus di approfondimento su uno dei temi più dibattuti in Italia negli ultimi mesi: La posta in gioco del matrimonio gay. Interverranno Luisa Accati, storica e antropologa, già docente all’Università di Trieste, autrice di importanti saggi sui mutamenti delle figure paterna e materna, e Francesco Bilotta, ricercatore di Diritto privato all’Università di Udine, avvocato e socio fondatore di Avvocatura per i diritti LGBTI–Rete Lenford. Punto di partenza della discussione sarà il dibattito sulla legalizzazione delle unioni omosessuali, che in Italia incontra forti resistenze, spesso mascherate da una generica tolleranza o da un nuovo conformismo. Se ne parlerà cercando di evitare la falsa alternativa tra diritti civili e diritti sociali, a volte usata come argomento contro il “matrimonio per tutti”. Senza negare, d’altra parte, che questa prospettiva muta il senso del simbolo matrimoniale, tradizionalmente associato alla differenza tra i sessi.

Il secondo appuntamento, in calendario mercoledì 25 marzo, sempre alla Casa della Contadinanza, propone un confronto dal titolo Giovani e vecchi. Dai riti di passaggio alle rottamazioni. Protagonisti Francesco Stoppa, psicoanalista e coordinatore a Pordenone del progetto di comunità “Genius loci”, e Davide Zoletto, docente di Pedagogia interculturale all’Università di Udine e membro del comitato scientifico di vicino/lontano. Ancora alla Casa della Contadinanza, mercoledì 22 aprile si discuterà di Politica e potere. Chi sono i soggetti del “patto”?, con Giacomo Marramao, docente di Filosofia teoretica e Filosofia politica all’Università di Roma, autore di fondamentali opere di filosofia politica, e Luca Taddio, editore di Mimesis e studioso di fenomenologia, estetica e politica. L’ultimo incontro è in calendario sabato 9 maggio, durante il festival vicino/lontano, questa volta all’Oratorio del Cristo: Il totem del mercato, con Nicola Gasbarro, docente di Antropologia culturale all’Università di Udine e presidente del comitato scientifico di vicino/lontano, e con i filosofi Giovanni Leghissa, ricercatore e docente all’Università di Torino, oltre che membro del comitato scientifico di vicino/lontano, e Andrea Zhok, docente di Antropologia filosofica all’Università di Milano. Tutti gli incontri, a ingresso libero, saranno condotti da Beatrice Bonato. 

Commenti (0)
Comment