Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto del Conservatorio Tartini

Cultura e Spettacolo
10 aprile 2015

Musicisti triestini alla conquista di Praga

a cura della redazione
Da domenica a martedì tre concerti degli allievi della fascia superiore. Si inizia nel prestigioso Museo della Tecnica.
CONDIVIDI
9665
Scorcio di Praga (ph. Ufficio Stampa Volpe Sain)
Cultura e Spettacolo
10 aprile 2015 della redazione

Trieste incontra Praga. Tre concerti che vedranno coinvolti 15 studenti del Conservatorio Tartini della fascia superiore (Triennio – Biennio) esibirsi in una serie di appuntamenti nella capitale della Repubblica Ceca.

Primo appuntamento domenica 12 aprile, nel prestigioso Museo della Tecnica di Praga, ore 16.30, con un omaggio alla Repubblica Ceca – La Tradizione. In programma due concerti d’archi su musiche di A. Dvořák con il Quartetto in la min. op.16 per archi eseguito da Dragana Gajic – violino, Alessandro Mele - violino, Lucia Dorfmann – viola, Alessandro Petterle – violoncello. Ancora pagine di A. Dvořák, il Quintetto in Sol magg. op.77, per il secondo concerto in cartellone affidato a Francesca Somma – violino, Alessandro Mele – violino, Angelica Groppi – viola, Alberto Petterle – violoncello e Michele Badin – contrabbasso.

L’esibizione sarà preceduta dall’inaugurazione della mostra “Breifeld & Daněk: tra Trieste e Praga. Si prosegue lunedì 13 aprile, Conservatorio di Praga, Sala della Musica da Camera, Palazzo Palffy, ore 14 ancora un omaggio alla Repubblica Ceca questa volta dedicato alle nuove sonorità con il Piano Trio n.4 in Mi minore, op 90 di A. Dvořák (Francesca Somma, violino -  Davide Forti, violoncello - Mosè Andrich, piano), di Mozart –  Busoni (1866-1924) la Fantasia in fa minore für eine Orgelwalze” K. 608 (V.Vargiu- Pianoforte e G. Rotari - Fisarmonica), di César Franck il “Preludio, Fuga e Variazioni in si minore, op. 18” (V.Vargiu- Pianoforte e Wei Duan - Fisarmonica), il “Duo (Preludio e Toccata)” di Jinrich Feld (W.Duan e G.Rotari  Fisarmoniche) e di Leoš Janáček dal “Sul sentiero di rovi” (Vargiu-Pianoforte e G.Rotari-Fisarmonica). Sempre lunedì 13 aprile, ore 14.30, all’Istituto di Scienze Musicali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Carlo di Praga, è in programma una conferenza “The Role of Czech Music in the 19th Century. Trieste between Italian and Slovene Cultures“ a cura dei professori Ivano Cavallini e Aleksander Rojc.

A chiudere il ciclo di appuntamenti per il progetto Trieste-Praga 2015, il concerto in cartellone nella suggestiva Cappella barocca dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga, martedì 14 aprile ore 18, sempre con un omaggio alla Repubblica Ceca “Verso il futuro” con pagine di A. Dvorak Piano Trio n. 4 in Mi minore, Op. 90, “Dumky”, Francesca Somma, violino, Davide Forti, violoncello, Mosè Andrich, pianoforte e di Adolf Míšek Sonata n°2 op. 6  per Contrabbasso e Pianoforte, Ilayda Ulas, contrabbasso e Llambi Cano, pianoforte.

Il progetto Trieste Praga 2015 supportato dalla Regione FVG e coordinato da Antonella Caroli con molti partner cittadini, è stato organizzato in collaborazione con Italia Nostra, il Museo Nazionale della Tecnica di Praga, il Conservatorio di Praga, l’Istituto di Scienze Musicali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Carlo di Praga e l’Istituto Italiano di Cultura. I concerti saranno replicati anche in Regione e presso l’Accademia Musicale Città di Gorizia.

Commenti (0)
Comment