Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Per il Museo del Mare

Attualità
16 settembre 2015

La Forestale croata dona legname a Trieste

di Rosanna Ferfoglia
I legni serviranno per arricchire la sala Ressel nell'ambito di un progetto di rinnovamento.
CONDIVIDI
11128
Modello di elica del Ressel (ph. Comune di Trieste)
Attualità
16 settembre 2015 di Rosanna Ferfoglia

Arrivano direttamente dalla foresta demaniale di Montona, in Istria, i legni che serviranno  al Museo del Mare per arricchire la sala Ressel posta al piano terra dello storico edificio di via Campo Marzio, con un allestimento realizzato a breve, nell'ambito del progetto di rinnovamento del Museo.

Grazie alla collaborazione di alcuni esperti storici navali cittadini, lo spazio dedicato alla figura del geniale forestale inventore sarà così integrata con i campioni dei legnami che furono utilizzati dai carpentieri degli arsenali altoadriatici per costruire e mantenere le  flotte. Galere, marciliane, trabaccoli, pieleghi, galeoni e fregate furono costruiti nel tempo con le querce ed i frassini della foresta di Montona, che fin dal XV secolo fu riservata ai soli fini dell’Arsenale di Venezia.

Fu proprio Ressel, conosciuto nel mondo mitteleuropeo come inventore dell’elica navale, a stilare nell’Ottocento un imponente studio sulle querce della foresta di Montona che si stava lentamente assottigliando. In quegli anni Trieste fu sede di scuole e di cantieri navali che, fino alla conversione all'uso del ferro, produssero navi di legno che, per la loro innovazione costruttiva, sono rimaste nella storia della marineria europea. Grazie alla collaborazione del Corpo forestale regionale di Basovizza, il Museo ha preso contatti con gli uffici forestali delle Hrvatske Sume di Pinguente  il cui direttore, l’ingegner Christian Gallo, ha concesso il taglio e la donazione del legname al Comune di Trieste. Un altro segno di come la cultura non ha confini.

Commenti (0)
Comment