Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto CONI ragazzi

Sport
16 novembre 2015

Trieste in campo per garantire lo sport a tutti

di Rosanna Ferfoglia
Bambini e ragazzi dai 5 ai 13 anni con famiglie in difficoltà economica potranno praticare attività sportiva gratuitamente presso 16 società sportive cittadine.
CONDIVIDI
11869
La presentazione alla stampa del progetto CONI ragazzi (ph. Comune di Trieste)
Sport
16 novembre 2015 di Rosanna Ferfoglia

Prende il via anche a Trieste “CONI RAGAZZI”, il progetto sociale, sportivo ed educativo, di rilievo nazionale, frutto della collaborazione fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero della Salute e il CONI affinché lo sport diventi un diritto di tutti ed esprima concretamente il suo contributo allo sviluppo giovanile. Si rivolge a bambini e ragazzi dai 5 ai 13 anni che, grazie alla rete capillare di associazioni e società sportive dilettantistiche operanti sul territorio, avranno la possibilità unica di praticare gratuitamente attività sportiva pomeridiana, per 2 ore alla settimana, scegliendo tra molteplici discipline sportive. Il progetto prevede, inoltre, un’importante campagna informativa sui sani e corretti stili di vita che coinvolgerà le società sportive, i ragazzi partecipanti all’iniziativa, le famiglie, le scuole e gli eventi sportivi del CONI.

A Trieste il Comitato Regionale del CONI Friuli Venezia Giulia ha attivato una collaborazione con il Comune di Trieste - Aree Politiche Sociali e Sport - per un supporto a livello locale.

L'iniziativa è stata presentata dall'assessore alle Politiche Sociali Laura Famulari con l'assessore allo Sport Edi Kraus, il presidente del CONI regionale Giorgio Brandolin con il vice Francesco Cipolla.

“È un progetto – ha sottolineato Famulari – che ha coinvolto molte società sportive locali e che consentirà a molti giovani sfortunati  della città di continuare a praticare attività sportiva. Saranno infatti privilegiate le fasce più fragili, nell'ottica di incentivare alla pratica sportiva e le famiglie che hanno più difficoltà a iscrivere i figli ai vari corsi a causa delle ridotte capacità economiche. Ulteriori fondi di bilancio aiuteranno inoltre anche i bambini in carico al Servizio Sociale. E grazie a un emendamento da 30mila euro sarà estesa la possibilità anche ad altre fasce d'età, sempre in ambito giovanile, per partecipare alle attività sportive”.

A Trieste sono 16 le Società sportive che hanno dato la propria disponibilità, per un massimo di 347 posti totali e 21 impianti dislocati nelle varie zone della città.

Commenti (0)
Comment