Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Assieme a Joe Bastianich

Sport
24 novembre 2015

Guido Meda a Trieste per Top Gear

a cura della redazione
Riprese tra Porto Vecchio e Piazza Unità. Registrate alcune prove di un’altra puntata tra la cava romana di Aurisina, il greto del Tagliamento e presso l’Aviosuperficie di Rivoli di Osoppo.
CONDIVIDI
12000
Guido Meda (ph. facebook)
Sport
24 novembre 2015 della redazione

Dopo aver conquistato un'audience globale di 350 milioni di spettatori in 230 paesi nel mondo, è in arrivo anche in Italia Top Gear, il format della BBC che si occupa di automobili e motori con uno stile umoristico e provocatorio. Proprio in questi giorni Trieste ha ospitato le riprese di una delle puntate che andrà in onda nel 2016 su Sky Uno. Guido Meda - capo della redazione Motori e vice direttore di Sky Sport, pilota amatoriale di auto e moto - nonché neo conduttore della trasmissione assieme a Joe Bastianich, metterà alla prova una supercar in un circuito appositamente ideato tra gli hangar del Porto Vecchio. La location torna ad essere protagonista dopo lo spettacolare spot con Sebastian Vettel, girato il mese scorso.

A far da cornice al resto della puntata sarà piazza Unità d’Italia e alcune vie cittadine e del carso. Imprescindibile per l’organizzazione delle riprese la disponibilità del Comune di Trieste e dell’Autorità Portuale.

La versione italiana del programma, realizzata da Toro Media (società che ha curato la produzione esecutiva di “Spectre” per le riprese italiane ed austriache), manterrà tutte le caratteristiche del format originale: sfide in posti spettacolari, gare estreme, test con ospiti e recensioni. Già in agosto, grazie alla collaborazione con FVG Film Commission, Meda e Bastianich hanno registrato alcune prove di un’altra puntata tra la cava romana di Aurisina, il greto del Tagliamento e presso l’Aviosuperficie di Rivoli di Osoppo.

Commenti (0)
Comment