Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto "Romea Strata"

Turismo
10 dicembre 2015

Le Strade dei Romei in Friuli Venezia Giulia

a cura della redazione
Ripercorrere il sistema di vie e sentieri che dall’Europa centro-orientale conducevano i pellegrini a Roma. Nell'anno del Giubileo una proposta densa di fascino e storia.
CONDIVIDI
12206
Aquileia (ph. Matteo Lavazza Seranto - Archivio Turismo FVG)
Turismo
10 dicembre 2015 della redazione

Il progetto Romea Strata, che può contare sulla collaborazione della Regione Friuli Venezia Giulia, ripropone il sistema di vie e sentieri che dall’Europa centro-orientale conducevano i pellegrini a Roma e alla Tomba di Pietro.

Analogamente al più celebre Cammino di Santiago, già in occasione del Giubileo appena iniziato sarà possibile ripercorrere i 1.302 km di percorso in territorio italiano, ricevendo il Testimonium all’arrivo a Roma che certifica l’avvenuto pellegrinaggio.

Il percorso attraversa il nord-est Italia ed è suddiviso in otto tratti, i cui nomi richiamano i territori e le antiche vie percorse. Coinvolge 5 regioni italiane. Tutte le tratte confluiscono a San Miniato, in Toscana, da dove si può continuare il cammino verso Roma, lungo la Via Francigena (345 Km). Tappa dopo tappa il percorso del pellegrino Romeo sarà testimoniato dai timbri sulla sua credenziale Ad Limina Petri.

Due i percorsi che coinvolgono il territorio del Friuli Venezia Giulia: il primo è la Romea Allemagna e il secondo la Romea Aquileiense. Entrambe convergono su Concordia Sagittaria, in terra veneta. 

La Romea Allemagna conduce da Tarvisio a Concordia, per un percorso di 187 chilometri. Per raggiungere la via Francigena, a San Miniato in Toscana, dovranno essere percorsi, partendo dal confine austriaco, un totale di 759 chilometri.

È il primo tratto italiano dell’antica via di pellegrinaggio che qui arriva dai paesi baltici, da Czestochowa, Cracovia, Vienna. Il cammino lungo questo tratto di territorio friulano è caratterizzato da una sequenza rara di ambienti naturali, tra sentieri di montagna, colline moreniche, risorgive e lagune, lungo la splendida valle del fiume Tagliamento, rarità naturalistica allo stato primitivo. Una via ricca di tracce di ospitali medievali, di siti storico-artistici dedicati al pellegrinaggio gerosolimitano, romeo e jacopeo, sulle orme dei pellegrini medievali.

La Romea Aquileiense si dipana da Miren-Gorizia a Concordia Sagittaria per 94 chilometri. In questo caso, a separare Miren-Gorizia da San Miniato sono 673 chilometri. 

La via ha inizio in Slovenia presso il Santuario della Madonna Addolorata di Miren-Kostanjevica sul monte Grado, ma ben presto raggiunge i territori della provincia di Gorizia e, proseguendo da est a ovest, attraversa la regione fino a Concordia Sagittaria, per un totale di circa 100 km. È questo il territorio dell’antica sede episcopale di Aquileia, città che dal secolo IV divenne capoluogo della Venetia et Histria. 

Su queste dorsali principale si innestano molte altre vie di pellegrinaggio e cammini locali. Itinerari di fede come il Cammino Celeste, il Cammino delle Pievi o La Via dei Monti Sacri. Alcuni già attivi in epoca medievale, altri di più recente istituzione, tutti di grande fascino.

Info: www.romeastrata.it

Commenti (0)
Comment