Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Inaugurata in via Malacrea

Attualità
30 maggio 2016

Trieste, nuova struttura per persone disabili

di Rosanna Ferfoglia
Centro polifunzionale dotato di ampio giardino per la coltivazione e di un appartamento assistito in grado di ospitare 3 persone con disabilità medio-grave
CONDIVIDI
14607
L'inaugurazione del nuovo centro di via Malacrea (ph. Comune di Trieste)
Attualità
30 maggio 2016 di Rosanna Ferfoglia

Una nuova struttura dedicata alle persone disabili è stata inaugurata a Trieste, in via Malacrea 3. L'Amministrazione comunale, proprietaria dell'immobile donato dalla famiglia Ugrin, nel 2013 ha deciso di assegnarlo in comodato, per 10 anni, alla Onlus “La strada dell'Amore”, per la realizzazione di una struttura polifunzionale destinata ad attività socio-assistenziali integrate, con laboratori e servizi per persone adulte con disabilità, aperta al territorio. L'idea è stata quella di fornire uno spazio di supporto e di sostegno alla normale vita intra-familiare della persona con disabilità,  sviluppando all'interno della nuova sede attività formative e laboratoriali sulla base di progetti autonomi dell’Associazione o in parternariato con Enti pubblici o privati.

Tra le attività in programma, in particolare una inerente la cultura dell'orto, è già partita in via sperimentale con la partecipazione al progetto comunale “Urbi et horti”. L’edificio è infatti dotato di un ampio giardino, che è stato parzialmente adibito a coltivazione.

Inoltre, al secondo piano della casa è stato allestito un appartamento assistito, che potrà accogliere tre persone con disabilità medio-grave, ampliando così l'offerta del Comune, che ne ha realizzati 25.

Il progetto si è avvalso di vari finanziamenti: della Fondazione “Beneficentia Stiftung Vaduz Liechtenstein”, del Fondo Trieste e della Regione per la ristrutturazione,  dell'Ikea per l'arredo e della Fondazione CRTrieste per una parte dell'arredo della cucina e per gli elettrodomestici.

Commenti (0)
Comment